Un uomo, che lavora per Poste Italiane, ha ucciso con alcuni colpi di pistola la direttrice della filiale di Torre del Greco (Napoli) ed è fuggito dopo l’agguato. Si tratta di Cristofaro Gaglione, 59 anni, arrestato poche ore dopo l’accaduto. Secondo le prime ricostruzioni,  l’uomo si è presentato ieri mattina (alle 8.10) al lavoro armato e si è diretto immediatamente nella stanza di Anna Iozzino, 53 anni. La donna, colpita da tre proiettili: alla gola, alla mandibola e di striscio al petto. All’ospedale Maresca è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico, ma è deceduta nella notte 

Sabato scorso c’era stato un diverbio tra la direttrice dell’ufficio postale di Via Veneto e l’uomo che oggi l’ha ferita. Tutto sarebbe nato a seguito della decisione della direttrice di spostarlo ad altre mansioni durante il periodo di vacanze estive.  L’impiegato è stato rintracciato nella zona periferica della città a ridosso della vicina Torre Annunziata. Ai poliziotti ha detto: “Ho fatto giustizia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scuola Diaz, Canterini racconta il blitz del G8 di Genova. E i “demoni” della polizia

prev
Articolo Successivo

Carabiniere rapito in Yemen, richiesto riscatto 70mila dollari

next