I magistrati di Palermo hanno interrogato la figlia del Cavaliere, Marina Berlusconi, nell’ambito dell‘indagine per estorsione all’ex premier da parte del senatore (Pdl) Marcello Dell’Utri. La presidente di Fininvest infatti è cointestataria con il padre di un conto bancario da cui sarebbero arrivati dei “prestiti” al cofondatore di Forza Italia. Marina Berlusconi sarebbe sentita come persone informata dei fatti e forse anche come parte lesa.

In totale si parla di decine di milioni di euro, oltre a una villa pagata forse anche il doppio del valore reale. I conti correnti dell’amico storico del presidente del Pdl, d’altronde, secondo gli accertamenti dell’Uif, l’Unità di analisi finanziaria della Banca d’Italia, sono stati spesso in profondo rosso. Secondo quanto riportato da alcuni quotidiani in certi casi l’esposizione superava anche i tre milioni di euro. Tanto che nel 2008 da un conto di Berlusconi è partito un milione e mezzo verso quello del senatore siciliano per ricomporre la situazione.

In particolare il procuratore Francesco Messineo, l’aggiunto Antonio Ingroia e i Pm Paolo Guido, Lia Sava e Nino Di Matteo hanno chiesto lumi alla figlia dell’ex presidente del Consiglio, su due bonifici da 362mila e da 775mila euro fatti a titolo di prestito infruttifero, nel 2003, dal conto di cui è stata cointestataria. Quindi nel colloquio di oggi si è parlato solo di una piccola parte dei circa 40 milioni che Dell’Utri, secondo gli inquirenti, avrebbe ricevuto in 10 anni da Berlusconi. L’ ipotesi fatta dalla Procura è che il fiume di denaro sarebbe servito al Cavaliere per comprare il silenzio del senatore o che, attraverso il parlamentare, come già accaduto negli anni Settanta, l’ex premier abbia fatto arrivare soldi a Cosa nostra per assicurarsi la protezione delle cosche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Trattativa Stato-mafia, i pm: “Processate Riina, Mori, Dell’Utri e Mancino”

next
Articolo Successivo

Trattativa, la sfida di Salvatore Borsellino: “Napolitano deve parlare”

next