A pensare a una per tutte Rita Levi Montalcini, premio Nobel per la Medicina, dubbi sulle qualità del cervello delle donne non ce ne sarebbero mai dovute essere. Eppure. Ma non potrà essere mai più così. Perché secondo lo studio di uno scienziato le donne sono più intelligenti degli uomini. E a dirlo sono i test sul quoziente intellettivo (QI) nei quali le rappresentanti del gentil e ora anche “intelligente” sesso, per la prima volta, hanno superato gli uomini. I risultati dello studio sono stati resi noti da uno dei più grandi esperti di QI, James Flynn, secondo quanto riporta il Sunday Times. Fin dalla nascita dei test sul QI, cento anni fa circa, le donne hanno sempre fatto registrare  punteggi più bassi di almeno cinque punti, tanto da convincere gli psicologi che vi fossero delle differenze genetiche alla base di un tale gap. La differenza, negli ultimi anni, si è andata sempre più assottigliando, fino ad oggi, che gli esperti sanciscono il sorpasso delle donne.

“Negli anni è cresciuto il QI di entrambi i sessi, come conseguenza della modernità: la vità più complessa sfida il nostro cervello che si adatta e aumenta le nostre capacità. Ma il QI delle donne è cresciuto più in fretta”, ha spiegato Flynn. Una possibile spiegazione è che a causa delle loro vite, stressate da famiglia e carriera, hanno sviluppato capacità ‘multitasking‘ che consentono loro di pensare e fare più cose contemporaneamente. “L’effetto della modernità sulle donne sta appena cominciando ad affiorare”, ha detto Flynn. Lo psicologo neozelandese, colui che negli anni ’80 dimostrò come il QI non ha nulla a che fare con la genetica e può quindi essere migliorato, ha anche scoperto che il cervello delle donne negli ultimi anni è cresciuto anche nelle dimensioni più di quello degli uomini. “Questo perchè in passato erano più svantaggiate”, e restavano quindi indietro rispetto allo sviluppo cognitivo che era invece consentito agli uomini.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dopo Venere il cielo riserva un altro spettacolo: Giove sparirà dietro la Luna

next
Articolo Successivo

Salute, i nati in autunno diventano centenari più spesso degli altri

next