L’Acer è un’azienda pubblica con finalità dichiaratamente sociali. Pertanto, se una sua abitazione è vuota e una persona ha bisogno di un tetto dove ripararsi perché fuori fa freddo, l’occupazione di un appartamento dell’ex istituto case popolari non può considerarsi reato. Il giudice monocratico di Reggio Emilia Silvia Semprini ha accolto la teoria difensiva dell’avvocato Vainer Burani, assolvendo ieri pomeriggio,“perché il fatto non sussiste”, Ane Weydant, 41 enne tedesco, assistito dal legale in un processo dov’era imputato per “invasione di edificio”.

Il 14 novembre del 2008 Weydant venne trovato in un appartamento del condominio di via Fenulli 1 di proprietà dell’Acer da agenti della Polizia municipale di Reggio che stavano eseguendo uno sgombero dopo le occupazioni per protesta delle case popolari, destinate all’abbattimento nell’ambito di un progetto di riqualificazione dell’area, organizzate dal Collettivo “Sottotetto”. Per quel motivo le case erano state chiuse e quindi disabitate al momento dell’occupazione. Weydant, anche se abusivo, aveva ottenuto luce, gas e acqua, ed era in regola col pagamento delle bollette. Lo sgombero era stato eseguito senza tensioni. Per il tedesco ieri l’accusa aveva chiesto il pagamento di una multa di 200 euro.

di Antonio Murzio

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gratta e Vinci, entrate record nel 2011. “Gioco non trasparente, crea dipendenza”

next
Articolo Successivo

Rimini sposa San Marino: “Insieme unico territorio, non tagliateci la Provincia”

next