Da Partite & partiti: un duro colpo alla “calcistizzazione” del nostro Paese. Nella finale di Euro 2012 scende in campo una sola squadra e l’Italia ne prende addirittura quattro dalla Spagna. Gli azzurri sono arrivati alla finale troppo stanchi e la grande illusione è finita già nel primo tempo. Non tutto il male viene per nuocere: il secondo posto è più che onorevole. E poi, al di là del risultato sportivo, avrebbe fatto bene al calcio italiano un successo in questi europei? La vittoria sarebbe certamente servita per mettere una pietra tombale su tutti i problemi del nostro sport nazionale, a cominciare dai processi sul calcioscommesse. Il secondo posto, a ben vedere, ci consente di salvare la faccia sul campo e allo stesso tempo evita di distrarre il Paese da questioni ben più serie. Uno sceneggiatore italiano non avrebbe saputo fare di meglio di Oliviero Beha

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

(N)Euro 2012 – pagellone: Prandelli top, Rai e Figc flop. Ma il peggio è a Roma

prev
Articolo Successivo

Euro 2012 – Sul campo addio catenaccio. Ora cambiare marcia sul calcioscommesse

next