Sabato 14 luglio vicino a Cotignola (Ravenna) da qualche anno si svolge un rito. È gente strana quella che si ritrova all’aurora, prima che l’alba si faccia, al suono della musica. È gente che si incontra per raccogliere mille balle di paglia.

Sono quelli di Primola. Una banda di operosi folli intenti a costruire un teatro di paglia in un’insenatura del fiume Senio. Un luogo che nelle notti di luna di luglio sembra fatto apposta per diventare un anfiteatro naturale. Un anfiteatro di paglia che vivrà una sola settimana, ma meravigliosa (tutto accadrà dal 23 al 30 di luglio).

Sembra inutile il lavoro di queste persone. Inutile perché dura solo il tempo della festa. Ogni anno una comunità si incontra a costruire l’ineffabile. Quell’elemento impalpabile che congiunge la notte all’alba e il sorriso della Gioconda con gli occhi di chi la guarda. Con la forza infinita che lega due adolescenti innamorati e che dopo un brivido è già passata.

È l’ineffabile umorismo che alimenta l’anima di chi conosce il segreto della buona vita. Un segreto che non si può dire, ma solo rincorrere per saltarci su: come si fa con un treno che passa ma non si ferma. Come in un film muto di cento anni fa.

Per sperare di acchiappare questo treno il prossimo passaggio è alle ore 5.45 (!) del mattino in un campo di grano a Cotignola. Se verrai sarai il benvenuto. Sii pronto a tutto, però. Dopo un’alba del genere la tua vita potrebbe non essere più come prima…

All’alba in un campo di grano: musica, rugiada e lavoro

Concerto di Giuseppe Tedaldi (fisarmonica) e Michele Carnevali (ocarina)
Musiche di Nino Rota in ricordo di Tonino Guerra e Federico Fellini
Ore 5.45: Carichiamo 1000 (mille) balle di paglia accompagnati dalla musica per realizzare anfiteatri immaginari che durano lo spazio di una settimana e restano nel cuore per anni. Vuoi partecipare? Il ritrovo è in via 10 Aprile a Cotignola (RA) di fronte alla Madel. Info: 333-4183149

N.B. Questo video si riferisce alla raccolta delle balle all’alba di un paio di anni fa. Le date che compaiono sovraimpresse si riferiscono al 2010. Quest’anno la festa si svolgerà dal 23 al 30 luglio. Il programma completo è qui.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emilia, la terra torna a tremare: scossa di magnitudo 3.2

next
Articolo Successivo

Coopcostruttori, il pm chiede 120 anni. Così finirono sul lastrico centinaia di soci

next