La regione Lombardia è frastornata. Il modello sanitario lombardo è sotto la lente della magistratura con il caso San Raffaele e la Fondazione Maugeri.

Già nel 1999 il procuratore Francesco Saverio Borrelli, chiedendo l’arresto di cinque primari del San Raffaele, aveva visto lungo. Parlò di nuova “tangentopoli sanitaria”.

Dopo gli arresti di persone che gravitano intorno al mondo sanitario e l’indagine aperta sul direttore generale della sanità lombarda, Carlo Lucchina, numerose “voci” portano anche ad un imminente coinvolgimento del presidente della regione Lombardia. I controlli degli esborsi del sistema sanitario alle strutture che erogano il servizio tornano ad essere il nocciolo di una spesa che copre oltre l’80% del budget regionale.

La regione, attualmente, controlla le cartelle cliniche delle strutture con i nuclei operativi di controllo. Io continuo a credere che occorra cambiare modalità e controllare i pazienti, i loro sintomi e le terapie eseguite, cliniche e chirurgiche. 

La percezione del controllo clinico, oltre che amministrativo, riduce il rischio di abuso di pratiche mediche.

Inoltre la regione Lombardia “impedisce”, ma non sempre, alle strutture sanitarie di pagare i medici a percentuale sul fatturato prodotto, se non in piccola parte come premio di produzione. Nei singoli contratti non si parla più di “stipendio fisso” e percentuale sul fatturato prodotto. E’ stato trovato un escamotage con il quale lo “stipendio” può variare nel corso dell’anno e può essere periodicamente modificato (in funzione del fatturato naturalmente!). Fatta la legge trovato l’inganno. 

Sarebbe sufficiente che i controllori delle Asl non si limitassero a visionare i contratti, ma anche le fatture pagate, magari in accordo con la Guardia di Finanza.

Penso che la sanità sia ancora piena di Brega Massone e che occorrerà trovare qualcuno che controlli i controllori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cancro, allarme Oms: aumento del 75% nel 2030 nei paesi poveri. Soprattutto Africa

prev
Articolo Successivo

Tirrenia, per prenotare il traghetto ci vuole fortuna

next