vertice Monti Merkel Rajoy Holland (foto LaPresse)Ore al caldo, a villa Madama, per una conferenza stampa di dieci minuti. E soprattutto con le domande vietate. Hai davanti Monti, la Merkel, Hollande e Rajoy, ma non puoi chiedere niente.

Di solito ai vertici internazionali si fanno le quote per paese, chi ha l’opportunità di parlare raccoglie i temi principali dai colleghi e li sottopone tutti in un colpo solo. Questa volta no. L’organizzazione del vertice di Roma era di palazzo Chigi. E il governo ha deciso una sola domanda per paese. Lo staff di comunicazione di Monti ha scelto anche chi doveva essere a porre la domanda per l’Italia, Dino Sorgonà del TG1. Che ha sprecato l’unica cartuccia nel modo peggiore: “Cosa vi aspettate dal vertice di Bruxelles?”. Peccato che nei precedenti dieci minuti i quattro leader non avessero fatto altro che spiegare cosa si aspettavano dal vertice di Bruxelles. Tutto inutile.

Passi che Monti decide la strategia anti-crisi senza parlarne con il Parlamento e con i partiti, ma se non è neppure lecito fare domande e ci si deve limitare a pubblicare le veline di palazzo Chigi allora forse c’è un problema democratico.

Nessuno di noi cronisti, che seguiamo le cose europee e la politica economica, avrebbe creato incidenti diplomatici. Vogliamo solo capire. Per spiegare all’opinione pubblica cose complesse come i fondi EFSF e ESM e la Bei. Ma se non si possono fare domande e i leader non dicono quasi niente, come facciamo?

Caro presidente Monti, la prossima volta che si lamenterà che i cittadini europei stanno perdendo fiducia nell’Europa, si ricordi la conferenza stampa di oggi. E dica due parole al suo staff.

(Foto La Presse)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Twiiter, Grillo star italiana con mezzo milioni di seguaci. Poi Saviano e Bersani

prev
Articolo Successivo

Trattativa, Mentana: “Bavaglio non è un bene se lo propone il Colle”

next