“22mila visualizzazioni”, Willer Bordon è stupito dal successo del suo passaparola sul blog di Grillo. Sembra un neofita del web, poco grillino in questo senso, ma non ci sta a farsi definire “un uomo della casta” dai vecchi schemi. Molti commenti al suo video-editoriale nel sito del comico genovese sono duri, ma Bordon ex comunista ed ex di tante altre sigle partitiche, tra cui Italia dei Valori e Margherita, non ci sta ad essere accomunato “alla feccia”. “Io nella mia carriera politica mi sono distinto per tante lotte, ma – dichiara ai microfoni de ilfattoquotidiano.it – la gente non si ricorda di nulla e fa di tutto un’erba un fascio, è il sintomo della rabbia e dell’insofferenza che sta montando contro i partiti”. Per Bordon il sistema, così come l’abbiamo conosciuto, non ha più chance. E nel 2013 il Movimento 5 stelle “sarà il primo partito d’Italia”. Ma Bordon è un uomo d’affari oggi e ci tiene “venga ripreso dalle telecamere il suo libro appena uscito” di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Esodiamo la Fornero

prev
Articolo Successivo

Ddl corruzione, il governo incassa tre sì Severino: “Senso di responsabilità”

next