Per motivi di sicurezza legati al terremoto che ha colpito l’Emilia, il megaconcerto dei Radiohead non avverrà più in Piazza Maggiore a Bologna, ma nella prima periferia della città, al Parco Nord. Dopo una settimana di contrattazione tra Comune di Bologna, organizzatori e management della band, dall’Inghilterra è giunta la parola finale: il gruppo di Thom York ha ritenuto opportuno spostare il concerto previsto il 3 luglio dalla centralisssima e storica piazza  bolognese all’Arena Parco Nord.

Grazie  a  questo  inatteso spostamento saranno sì disponibili ulteriori biglietti che saranno messi in vendita in tutti le prevendite autorizzate a partire dalle ore  15  di oggi, martedì 12 giugno, ma sfuma anche il sogno diventato per alcuni mesi realtà, dell’assessore alla cultura Ronchi che aveva fortemente voluto il grande evento nella piazza grande della città, rievocando i fasti del celebre concerto dei Clash del 3 giugno 1980. 

I biglietti precedentemente acquistati rimangono comunque validi. L’apertura dei cancelli sarà alle ore 17 e l’inizio concerto è per le ore 21.30. I biglietti precedentemente acquistati (50 euro + prevendita) rimangono comunque validi. Per info: www.ticketone – www.vivaticket.it 

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scrittori, blogger e freelance a Marina Romea

next
Articolo Successivo

Cervia, militare muore durante un’esercitazione con l’elicottero

next