”Per salire sul carro o per generare confusione si moltiplica l’uso farlocco del simbolo M5S“. Beppe Grillo avverte i suoi sull’utilizzo improprio del simbolo del Movimento 5 Stelle che ha registrato nei mesi scorsi. L’iniziativa nasce, spiega il comico genovese, perché “da giorni si cita un fantomatico gruppo Rai 5 Stelle“. Ma ricorda che “non è mai stato autorizzato nessuno in Rai a usare il simbolo 5 Stelle. Chi riporta queste notizie avrebbe almeno il dovere di verificarle”.

Poi il leader del Movimento invita i simpatizzanti a “comunicare allo staff (alla mail ‘Segnala l’uso non autorizzato del logo) eventuali abusi”. Infatti, spiega il comico genovese, “chi oggi può utilizzare il simbolo è presente nella lista del portale”. L’invito nel post “Il gruppo 5 Stelle Rai è una balla” sul suo blog è a “diffidare delle imitazioni e di chi spara balle”. Infine Grillo ricorda le regole per ottenere l’autorizzazione all’utilizzo del simbolo, “che può essere richiesto dalle liste che si presentano nei comuni e nelle Regioni seguendo le regole presenti nel sito del MoVimento 5 Stelle”.

Il Fatto nei giorni scorsi ha pubblicato un’intervista all’inviato del Tg1 Leonardo Metalliin cui il giornalista annunciava di aver deciso di creare un gruppo Rai a 5 Stelle: “Ho chiamato un collaboratore di Gian Roberto Casaleggio, anche se io parlo direttamente con Beppe, eccome. Però dovevamo pensare uno strumento per avvicinare il servizio pubblico ai 5 Stelle. Ecco la bellissima illuminazione: facciamo una squadra di dipendenti e collaboratori di viale Mazzini che vogliono cacciare questi direttori e dirigenti lottizzati che ci costano cifre enormi e ci fanno male”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La blogger che non vuole Emilio Fede in Parlamento

next
Articolo Successivo

Nomine Agcom, lo Stato è fuori legge

next