Mohammed Moursi e Ahmed Shafiq sono i due candidati alla presidenza dell’Egitto, l’islamista contro il fedelissimo di Mubarak. I rivoluzionari non avranno nessun candidato liberale al secondo turno, il 14 e 15 giugno, questo potrebbe provocare una nuova ondata di proteste e di scontri. Gli egiziani dopo più di un anno di manifestazioni sono stanchi e in molti stanno ancora subendo i danni economici della destabilizzazione del sistema creato da Mubarak di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il sangue dei bambini siriani

next
Articolo Successivo

Egitto, per il dopo Mubarak la partita è tra Fratelli Musulmani e ex militari

next