È ancora presto per sapere se da Comacchio partirà la vera Terza repubblica, come profetizzato da Beppe grillo giovedì scorso, ma è già tempo intanto per decretare il primo sindaco a 5 Stelle della provincia di Ferrara. Marco Fabbri, dipendente comunale di 29 anni che si è autofinanziato la campagna elettorale con 1200 euro, trionfa al ballottaggio contro Alessandro Pierotti.

E questo contro ogni pronostico. Già, perché Pierotti – già sindaco della cittadina lagunare ed ex assessore provinciale – aveva attorno a sé una larghissima colazione che andava dal Pd alla civica Futura Comacchio fino all’Udc-Terzo Polo. Ciononostante l’uomo da battere è andato appena oltre il 30% (34% al primo turno).

Già allo spoglio dei primi seggi si intuiva la portata della cavalcata vincente di Fabbri. Dopo 4 sezioni scrutinate su 22 il grillino era al 75%. Un rapporto di tre voti a uno rispetto allo sfidante. Al momento in cui scriviamo sono state scrutinate 10549 schede su 11311 (93.26 %). Il risultato ha il sapore dell’impresa: 69.20% per il giovane che solo a febbraio era stato scelto dai 5 Stelle locali per correre per il municipio.

Al primo turno Marco “Cichino” Fabbri, 29 anni, dipendente comunale a Mesola, al termine di una campagna autofinanziata che è costata 1200 euro, aveva ottenuto 2.489 preferenze, il 22,28% del totale. La sua lista collegata a Beppe Grillo ne aveva inanellate 1.980 (20,41%), sufficienti a farne il primo “partito” di Comacchio. Pierotti aveva incassato 4.075 voti (36,48%) superando i 3901 ottenuti dalla sua coalizione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ballottaggio Parma 2012, svolta epocale: il candidato del Movimento 5 stelle è sindaco (video)

next
Articolo Successivo

Bernazzoli lo sconfitto: “Non so se mi dimetterò da presidente della Provincia”

next