“Abbiamo tempi decisionali differenti da quelli proposti dalla giunta”: con questa motivazione gli artisti che hanno occupato la torre Galfa e che da giorni presidiano via Galvani declinano l’invito dell’amministrazione Pisapia a prendere parte all’incontro pubblico sulle ‘Officine creative’ nello spazio dell’ex-Ansaldo. L’assessore alla Cultura Stefano Boeri, di fronte a centinaia di associazioni milanesi, cita più volte l’esperienza di Macao che esprime “non il bisogno di uno spazio fisico, ma di una rete e di una politica nuova per tutta la città”. Lo stesso fanno i relatori dopo di lui, mentre i ragazzi di Macao in assemblea a cielo aperto, dicono chiaramente di non avere ancora una posizione comune in merito alla proposta di Boeri. Per questo rinunciano al confronto, scegliendo solo di andare all’ex-Ansaldo a leggere un comunicato  di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brindisi, le prime immagini dei soccorsi

next
Articolo Successivo

Brindisi, parla il procuratore Marco Dinapoli

next