“Vengo a rappresentare un’Italia con le carte in regola e che quindi ha le sue posizioni da esprimere con forza nel quadro europeo”: è un Mario Monti determinato quello che parteciperà al G8 che inizierà questa sera a Camp David, nel Maryland (Usa). Il momento per il premier è cruciale: ” La situazione finanziaria ed economica mondiale ed europea è molto complicata. Lo sappiamo tutti: dalla Grecia e per le implicazioni più vaste, quindi è un’occasione doppiamente importante”. L’Italia, ha aggiunto, chiede “che ci sia a livello mondiale ed europeo una crescita molto più vigorosa che consentirà anche di mantenere nel tempo quegli equilibri di bilancio pubblico che l’Italia per prima e con tanta fatica ha raggiunto e intende mantenere in un quadro di crescita”.

Il presidente del Consiglio italiano incontrerà il primo ministro russo Dimitri Medvedev e il presidente francese Francois Hollande per due incontri bilaterali a margine del vertice degli “otto grandi”. A quanto si apprende Monti dovrebbe avere un incontro anche con il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, per un confronto sui temi che saranno affrontati domani. Su invito di Obama, sarà il nostro primo ministro ad aprire i lavori del G8 domani con un intervento sui temi economici globali. Questa sera, durante, la cena si discuterà invece di questioni estere, in particolare di Iran, Corea del Nord, Libia, Siria e Birmania. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grecia, la sinistra estrema guadagna voti. E Tsipras prepara un tour per l’Europa

prev
Articolo Successivo

G8, bisogno di “crescita e posti di lavoro”. Timori su Grecia ed Eurozona

next