Da “Partite & Partiti”. Malgrado gli scandali, circa trecentomila tifosi hanno festeggiato il ritorno della Juve sul tetto della serie A. E’ il segnale che gli italiani, in tempi di crisi, hanno bisogno di qualcosa che li rimetta in vita. Il campionato però resta marcio. Per stanare i furfanti si ricorre al pentitismo. Infatti l’omessa denuncia non è più un reato. Sul fronte scommettopoli, se ne vedranno delle brutte o bruttissime. Ma se il calcio, nonostante tutto, è ancora in grado di scuotere emozioni, allora i governanti dovrebbero trattarlo meglio. La serie A è l’oppio del popolo italiano. Se Mario Monti fa appello alla coesione sociale, il calcio potrebbe essere uno strumento utile. Intanto, la vecchia signora dà l’addio ad Alex Del Piero. Lui di smettere non ne vuole sapere, ma Andrea Agnelli non lo vuole più tra i piedi di Oliviero Beha

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Del Piero dice addio alla sua Juventus. Ma quanta tristezza

next
Articolo Successivo

Football Usa, il dramma dei suicidi: “Fate ricerca sul nostro cervello”

next