Dal 1992 a oggi il capoluogo lombardo non è rimasto immune dalla corruzione e i recenti scandali in consiglio regionale ne sono la conferma: lo ripetono tutti i relatori del convegno “Contrasto alla corruzione e alle mafie. Expo, banco di prova” organizzato dai sindacati di polizia e lo ripete soprattutto il procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo: “Siamo a un livello più preoccupante rispetto a vent’anni fa. La corruzione è ormai orizzontale”. A Palazzo Marino sono stati invitati anche gli studenti di alcune scuole milanesi: tante le loro sulla criminalità organizzata che però convergono in un punto: “La mafia è qualcosa di invisibile, che non si manifesta”. Da Nando dalla Chiesa a Giulio Cavalli, da David Gentili al sindaco Pisapia, tutti ribadiscono l’attenzione e il rigore che la città si appresta ad avere in vista dell’esposizione universale del 2015  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lavoro, Passera: “Tenuta sociale a rischio. Europa non ha fatto la sua parte”

prev
Articolo Successivo

Bisogna scrivere dei suicidi?

next