La ‘ndrangheta si evolve e contagia tutta l’Italia: dall’economia alla politica, dall’imprenditoria al mondo universitario. Nel libro “Il contagio” di Giuseppe Pignatone e Michele Prestipino, presentato ieri all’università Bocconi di Milano, si ripercorrono le inchieste più importanti degli ultimi anni, sottolineando l’abilità della criminalità organizzata a strutturarsi e centralizzare le scelte più importanti. “Le mafie durano da 150 anni. Cosa Nostra ha il suo cuore in Sicilia e spesso si esaurisce nel territorio siciliano, mentre la ‘ndrangheta ha le strutture organizzative in sedi diverse dalla Calabria: in Piemonte, in Lombardia ma anche in Germania ci sono le ‘locali'” spiega il procuratore Michele Prestipino. Ospite d’eccezione Ilda Boccassini, che ha sottolineato come “tra la procura di Milano e quella di Reggio Calabria non c’era competizione”, attribuendo a questa buona condotta, il raggiungimento di molti successi della giustizia italiana. Il riferimento è all’ inchiesta Crimine-infinito, che il 13 luglio 2010 ha portato a oltre 300 arresti tra Calabria e Lombardia  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pescara: omicidio ultrà, la polizia ferma quattro nomadi del clan Ciarelli

prev
Articolo Successivo

Blitz della Finanza al Monte dei Paschi: ipotesi aggiotaggio su Antonveneta

next