“Una realtà prestigiosa che vanta 25mila iscritti, ottimi docenti e relazioni con i migliori atenei del mondo”. A sentire Arben Dybeli, rappresentante per l’Italia dell’ateneo albanese scelto da Renzo Bossi per laurearsi in gestione aziendale, la Kristal universiteti di Tirana è quanto di meglio si possa desiderare. Ascoltando le parole entusiastiche del “coordinatore e rappresentante per Italia ed Europa” della Kristal, è lecito immaginare sedi e strutture di rappresentanza all’altezza delle aspettative. Ma la realtà è ben diversa. E per raccontarla le telecamere de ilfattoquotidiano.it hanno dovuto raggiungere Ciserano, un comune di 5mila abitanti in provincia di Bergamo. È qui che fino al mese scorso operava l’associazione Kristalitalia, in soli quindici metri quadrati. Poi l’associazione si è trasferita: “Guadagnavano poco, così m’han detto”, racconta il proprietario dello stabile. Sulla porta c’è ancora la targa: “Pratiche universitarie e riconoscimenti di lauree estere”, si legge. “Ci siamo trasferiti a Bergamo”, spiega Dybeli, che continua a vivere a Ciserano esibendo il nome della Kristalitalia sulla buca delle lettere. Le facce di Renzo Bossi e Pierangelo Moscagiuro, l’altro laureato nonché amico della vicepresidente del Senato Rosi Mauro, non le ricorda. “Evidentemente Bossi è stato a Tirana”, ragiona Dybeli, “ha seguito i corsi e ha sostenuto gli esami”. Ventinove esami in un solo anno? Dopo aver ripetuto più volte la maturità? “Non saprei”, taglia corto il coordinatore europeo della Kristal, “si vede che tutto d’un colpo è diventato intelligente” di Franz Baraggino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il procacciatore di clienti dell’università albanese del Trota fu arrestato per truffa

next
Articolo Successivo

Padova: pullman di ex carabinieri si ribalta, 5 morti e 18 feriti. Procura apre inchiesta

next