Pier Silvio Berlusconi si prepara a lasciare il cda di Fininvest per occupare una poltrona nel consiglio di amministrazione di Mediobanca. Se alle dimissioni manca l’ufficialità è tutto fatto per il ‘debutto’ del vicepresidente di Mediaset in piazzetta Cuccia.

“Parliamo di una partecipazione importante per Fininvest’’, ha spiegato a margine di una conferenza stampa a Cologno Monzese per la presentazione di Premium Play su Ipad. “Non so se i documenti sono stati fatti, ma è così”, replica a chi gli chiede se l’addio al cda di Fininvest sia già avvenuto. Quanto alle critiche mosse dalla sorella Marina alla cosiddetta incompatibilità sui ‘doppi incarichi’ nei cda prevista dell’art. 36 del decreto Salva Italia, Pier Silvio Berlusconi sottolinea: “Mi sembra una regola abbastanza inutile. Chi ha investito ha l’interesse e direi il dovere a tutelare il proprio investimento. Non è la poltrona in Consiglio che conta, ma – conclude – l’investimento”.

E sui ricavi aziendali ha specificato che il 2012 non sarà l’anno della crescita per la pay tv, ma Mediaset, con il suo prodotto Premium, sta “guadagnando quote di mercato”. Infatti nel momento di crisi, “gli italiani non hanno tanta voglia di spendere soldi. Il mercato pay in generale quest’anno per la prima volta è possibile subisca “una contrazione”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il congedo dell’Agcom. Reti e autogol

prev
Articolo Successivo

Il governo che parla inglese

next