Onorevole Di Pietro,

la stiamo ancora aspettando a Palermo per la sua campagna elettorale a favore di Fabrizio Ferrandelli.

Eppure lei era stato chiaro: “Italia dei Valori, quando partecipa alle primarie, ne rispetta la logica e le conseguenze. Qualsiasi candidato dovesse vincere le primarie, noi lo riteniamo un candidato all’altezza della situazione, perché tutti i candidati hanno sottoscritto un patto: che fanno parte del centrosinistra e che non vanno a tarallucci e vino né col centrodestra né con formazioni politiche antagoniste. Qualunque sia il candidato, io gli do la mano adesso, gli do la mano dopo e mi ritroverete qua, a fare campagna elettorale per il centrosinistra, per Italia dei Valori e per chi vince. Io, se vince Ferrandelli le primarie, non solo son contento ma vengo a fare campagna elettorale insieme a lui. Io vengo a fare campagna elettorale a chi vince. Ci mancherebbe altro. Ci mancherebbe altro. Ci mancherebbe altro”.

Caro Tonino, ma Lei ci fa o ci è?

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napolitano, Grillo e la facoltà di esternazione

next
Articolo Successivo

“Paese di merda, lotta di liberazione al nord”. La rabbia di Bossi e la platea vuota

next