Onorevole Di Pietro,

la stiamo ancora aspettando a Palermo per la sua campagna elettorale a favore di Fabrizio Ferrandelli.

Eppure lei era stato chiaro: “Italia dei Valori, quando partecipa alle primarie, ne rispetta la logica e le conseguenze. Qualsiasi candidato dovesse vincere le primarie, noi lo riteniamo un candidato all’altezza della situazione, perché tutti i candidati hanno sottoscritto un patto: che fanno parte del centrosinistra e che non vanno a tarallucci e vino né col centrodestra né con formazioni politiche antagoniste. Qualunque sia il candidato, io gli do la mano adesso, gli do la mano dopo e mi ritroverete qua, a fare campagna elettorale per il centrosinistra, per Italia dei Valori e per chi vince. Io, se vince Ferrandelli le primarie, non solo son contento ma vengo a fare campagna elettorale insieme a lui. Io vengo a fare campagna elettorale a chi vince. Ci mancherebbe altro. Ci mancherebbe altro. Ci mancherebbe altro”.

Caro Tonino, ma Lei ci fa o ci è?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napolitano, Grillo e la facoltà di esternazione

next
Articolo Successivo

“Paese di merda, lotta di liberazione al nord”. La rabbia di Bossi e la platea vuota

next