Onorevole Di Pietro,

la stiamo ancora aspettando a Palermo per la sua campagna elettorale a favore di Fabrizio Ferrandelli.

Eppure lei era stato chiaro: “Italia dei Valori, quando partecipa alle primarie, ne rispetta la logica e le conseguenze. Qualsiasi candidato dovesse vincere le primarie, noi lo riteniamo un candidato all’altezza della situazione, perché tutti i candidati hanno sottoscritto un patto: che fanno parte del centrosinistra e che non vanno a tarallucci e vino né col centrodestra né con formazioni politiche antagoniste. Qualunque sia il candidato, io gli do la mano adesso, gli do la mano dopo e mi ritroverete qua, a fare campagna elettorale per il centrosinistra, per Italia dei Valori e per chi vince. Io, se vince Ferrandelli le primarie, non solo son contento ma vengo a fare campagna elettorale insieme a lui. Io vengo a fare campagna elettorale a chi vince. Ci mancherebbe altro. Ci mancherebbe altro. Ci mancherebbe altro”.

Caro Tonino, ma Lei ci fa o ci è?

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napolitano, Grillo e la facoltà di esternazione

next
Articolo Successivo

“Paese di merda, lotta di liberazione al nord”. La rabbia di Bossi e la platea vuota

next