Paolo Romani

L’ex ministro Paolo Romani è indagato per peculato dalla Procura di Monza. Lo confermano fonti investigative. Al centro dell’inchiesta, il caso degli oltre cinquemila euro in due mesi spesi dal dirigente del Pdl con il telefonino affidatogli dal Comune di Monza, dove lo stretto collaboratore di Silvio Berlusconi è assessore all’Expo, dopo aver guidato l’Urbanistica. Spese, dunque, sostenute dalla collettività.

E’ stato il “Giornale di Monza” a scoprire, qualche giorno fa, la bolletta “super” dell’ex ministro. Con un elemento in più: a quel numero di cellulare rispondeva non Romani, ma sua figlia, che rimandava “a un altro numero” per parlare “con papà”. Di qui il sospetto che quei 5.144,16 euro in due mesi siano stati spesi, almeno in parte, per telefonate che nulla avevano a che fare con l’attività amministrativa. Ora il sostituto procuratore del capolouogo brianzolo, Donata Costa, ha deciso di verificare tutta la vicenda (guarda qui il tabulato con la spesa di Romani per il cellulare del Comune di Monza).

Contattato da ilfattoquotidiano.it all’uscita della notizia, Romani aveva commentato: “Per il lavoro che faccio ho quattro cellulari, può quindi capitare che a uno risponda la mia segretaria o qualcuno della mia famiglia. Quello del Comune lo lascio a Milano, per questo è capitato che rispondesse mia figlia, ma non gliel’ho certo dato in uso io”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Una storia che Lega

next
Articolo Successivo

“Con tutti i documenti Bossi si cagherà sotto”. I consigli della segretaria al tesoriere

next