Lolita, nella versione del film di Stanley Kubrick del 1962

C’era un tempo in cui le signore guardavano le ragazzine e rimpiangevano quelle belle carnagioni senza trucco e senza inganno. Ora invece i trucchi e gli inganni rischiano di arrivare prima ancora di saper contare. La voglia di diventare grandi rischia infatti di diventare un business. Succede nel ricco, o ex ricco, Nordest, dove la fantasia del fare impresa non è mai mancata, e ora il nuovo ‘target’ sono proprio le più piccole. Aprirà infatti sabato a Treviso, a due passi dal centro storico, il primo centro estetico dedicato alle bambine (guarda l’invito). Si chiama Little Lolas kids.

L’idea è di Loredana Lagonigro che da qualche anno gestisce un centro di bellezza per signore. “Spesso le mamme vengono qui con le figlie che non sanno come ingannare il tempo, e rimangono incantate davanti alle nostre file di smalti, perché non coinvolgere anche loro in questo ‘gioco’? Il gioco ha comunque un suo prezzo: sei euro un giro di smalto, cinque per un po’ di trucco e dieci per una “rilassante” maschera alla yogurt. Resta da spiegare da quali stress debba disintossicarsi una bimba di 10 anni. Età di riferimento del centro? Dai tre ai 14 anni.

Un baby parking, insomma, in cui si gioca a far le grandi. “Abbiamo messo a disposizione delle piccole una stanzetta tutta loro, con gioielli spazzole, forcine, cerchietti e anche perline e anelli, e poi grandi specchi per guardare il risultato delle loro creazioni”. Forse nessuno ha pensato che nella stanzetta a fianco ci poteva stare qualche libro. Ma i trucchi, quelli si, attirano di più. Cerette? Massaggi? “Ma no, è solo un gioco – continua a ripetere la proprietaria – non siamo in America“. Tradotto: mica si partoriscono baby-barbie pronte per una sfilata di moda.

O forse questo non è che il primo passo verso un cento interamente dedicato alle bambine. Intanto il volantino rosa confetto che pubblicizza l’apertura di sabato ha già fatto il giro della città: “Vieni con le tue amiche a provare tutti gli smalti che vuoi”. E a Treviso fervono i preparativi per soddisfare tutti i gusti delle piccole che, rigorosamente accompagnate dalle mamme, potranno sfidare l’ultima moda del rossetto più glam del momento. Come se non bastasse la pubblicità a volerle far crescere in fretta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lista nera di docenti italiani sul sito neonazi “Holywar”. “Collaboratori di Israele”

next
Articolo Successivo

Mobbing, per l’Esercito non esiste. E tanti casi restano impuniti

next