Come sempre ci sono due modi per parlare di calcio: concentrarsi esclusivamente su quello che succede in campo oppure allargare lo sguardo su quello che accade fuori. Per quanto riguarda il rettangolo di gioco, il campionato italiano continua a vivere della sfida tra Milan e Juventus, che rimangono a distanze invariate. Restano aperte anche la lotta per l’Europa e quella per non retrocedere, che potrebbe riservare sorprese grazie alle belle prestazioni di Lecce e Novara. Se allarghiamo un po’ lo sguardo, però, questa settimana ha confermato un verdetto durissimo: il calcio italiano fa ridere. In Champions è rimasto solo il Milan, con enorme sofferenza. Eccetto i rossoneri, in Europa siamo rimasti senza rappresentanti. La nostra serie A conferma tutti i suoi problemi, tra grossolani errori arbitrali (che ricordano quelli dell’“epoca Moggi”) e dirigenti disamorati, come i Della Valle, che stanno condannando la Fiorentina a una situazione penosa di Oliviero Beha

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Domeniche bestiali, dai magazzinieri cronisti al sogno di ogni calciatore

next
Articolo Successivo

Crisi Inter: tra passato e futuro, l’unico punto fermo per la prossima stagione è Moratti

next