21 luglio 2001. Il G8 è finito, ma c’è ancora qualche conto da regolare. Il bilancio degli arresti è in passivo e bisogna rimediare. E’ in questo contesto che nasce l’operazione che uno degli stessi dirigenti di polizia presenti definì una “macelleria messicana“. Dopo tutti i documentari e le inchieste video che hanno ripercorso quei fatti, la notte del massacro ora è anche un film (articolo di Malcom Pagani). Vincitore del premio del pubblico al Festival di Berlino, “Diaz, don’t clan up this blood” dal 13 aprile è nelle sale cinematografiche.

Una pellicola che è anche un preciso atto di accusa su uno dei capitoli più bui della storia delle forze dell’ordine. E’ per questo che ilfattoquotidiano.it ha chiesto a Fandango il backstage e chiede a tutti i suoi lettori che erano a Genova di ripercorrere quella notte drammatica. Le testimonianze più forti saranno pubblicate sul nostro sito.

Mandaci una foto e un breve racconto

[contact-form 19 “Invia foto – Iniziativa G8”]

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, riguarda tutti i video della 16ma puntata “Un ordine nuovo”

next
Articolo Successivo

Riuscirà Fabio Volo a fare la tv intelligente? #Occupyfabiovolo, la diretta Twitter del Fatto

next