“Come diceva una tv i giudici non sono ciechi, né sordi, vivono anche loro il momento politico”. Cosi’ Umberto Bossi sulla sentenza di proscioglimento per prescrizione a Silvio Berlusconi nel processo Mills. “Berlusconi è stato più abile di me, io pensavo che fosse condannato, invece i suoi voti sono determinanti per il governo”, aggiunge Bossi. E’ stato assolto (in realtà di prescrizione si tratta ndr) quando fino al giorno prima era sicura la sua condanna – sostiene il capo dei Lumbard – perche’ i magistrati non vivono su un altro mondo e sanno che i voti di Berlusconi servono al Governo per far passare le leggi in Parlamento quindi non andava condannato”.

Da Sassuolo (Modena), Umberto Bossi da la sua interpretazione sul caso Mills e la prescrizione dell’ex presidente Berlusconi sostenendo come “io spero davvero che sia stato assolto perché non c’entrava niente ma a pensar male…”. Inoltre, annuncia Bossi, la Lega raccoglierà  le firme per proporre leggi di iniziativa popolare sui temi che hanno riguardato le iniziative del Governo Monti. “In Italia – ha detto – non si possono fare referendum su tasse e fisco, altrimenti saremmo andati a raccogliere le firme per un referendum contro la linea di rapina del Governo Monti. Adesso faremo delle leggi di iniziativa popolare, raccoglieremo molte firme per obbligare il Parlamento a fare una legge che ripristini i 40 anni per le pensioni. Ma Monti ne ha combinati così tanti di pasticci, che ci si può sbizzarrire a scegliere”.

Bossi, d’altra parte, dice di non avercela con il suo ex alleato, ma agli occhi del leader della Lega il disegno è più chiaro che mai: “Senza i suoi voti, Monti non avrebbe avuto i numeri per tagliare le pensioni”. Ecco perché “è meglio stare da soli che male accompagnati”.

Da soli senza il Pdl è il diktat di via Bellerio anche se “forse ci saranno eccezioni per le candidature” nonostante “in via sistematica andiamo da soli tentando il tutto e per tutto adesso visto che gli altri hanno combinato abbastanza disastri”. Riappacificazione in vista con Berlusconi? “Neanche a parlarne”, secondo Bossi, anche se la vittoria alle amministrative non appare così scontata. Ed e’ lo stesso leader leghista a non nascondere come questa sia una “sfida difficile” ma “molto meglio perdere che vincere e vincere imbonendo la gente”.

Sfida difficile e guai in salsa padana. Perché oggi é emersa anche la storia di Francesco Belsito, il cassiere “taroccatore” della Lega nord che ha falsificato un diploma e due lauree, infilandosi in dubbi investimenti finanziari, non ultimo quello della Tanzania.

Ma secondo Bossi, un passo indietro da Belsito “deve arrivare da lui” visto che “è un bravo amministratore” e, d’altra parte, la Lega “ha sempre avuto amministratori che investivano all’estero”. Perché la Lega ha sempre avuto bisogno di investire visto che “non avevamo i soldi di Berlusconi e delle cooperative rosse”, precisa il Senatur.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amori e dipendenze ai tempi delle chat

prev
Articolo Successivo

Stabilimenti balneari, la casta è salva. Il governo: “Niente asta, aumentano i canoni”

next