“Votereste per Mario Monti alle prossime elezioni?”. A cento giorni dall’insediamento del governo tecnico, inauguriamo con questa domanda “Uomo da Marciapiede”, i vox di Piero Ricca, che ilfattoquotidiano.it porterà avanti con cadenza settimanale per registrare senza filtro opinioni, umori e malumori dei cittadini sui più discussi fatti d’attualità e sull’evoluzione politica italiana.
Malgrado le misure di austerity, Monti continua a piacere a molti, perché il governo che presiede è visto come unica possibilità di affrontare le urgenze della crisi economico-finanziaria. Il giudizio sulla classe politica, a cominciare dai partiti che lo sostengono in parlamento, al contrario, è negativo, a causa di corruzione, privilegi e inefficienza. Non pochi voterebbero alle prossime elezioni per l’attuale presidente del consiglio. Ma con chi si potrebbe candidare Monti? Alcuni lo vedono come leader naturale di un centrodestra postberlusconiano. Per altri è l’asso nella manica del Pd. Ma anche l’idea di una grande alleanza elettorale Pd-Pdl, da alcuni non è scartata a priori. Insomma, sono saltati gli schemi. E voi che cosa ne pensate? Rispondete al nostro sondaggio.

Riprese e montaggio di Franz Baraggino


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Regione Sicilia e il censimento dei record

prev
Articolo Successivo

L’Ue, l’Ici e i 3 miliardi della Chiesa

next