Si ritiene vittima di “attività di dossieraggio e di diffamazione”. Per questo Gianluca Pini – il deputato del Carroccio e segretario regionale della Lega Nord Romagna che ha redatto l’emendamento sulla responsabilità civile dei magistrati – non è andato in procura a Forlì, dove è indagato per millantato credito. Ha invece presentato una lettera difensiva che contiene la sua versione dei fatti e l’ha comunicato con una nota in cui scrive di appellarsi ai “diritti di difesa di qualsiasi privato cittadino, senza avvalermi di alcuna tutela parlamentare e di intesa con il mio difensore”, l’avvocato Carlo Nannini di Forlì.

La vicenda nasce da una denuncia sporta lo scorso 24 gennaio e il nodo della questione che chiama in causa il parlamentare riguarda un presunto millantato credito “presso gli onorevoli Gino Capotosti e Alfonso Papa”. Secondo l’accusa, l’avrebbe fatto per ricevere “da una persona identificata (Gfm), candidato partecipante al concorso nazionale di abilitazione alla professione di notaio, la somma di euro 15 mila”. Somma che sarebbe servita “tra il 24 dicembre 2007 e il gennaio 2008” per “remunerare o comunque comperare il favore di taluno dei membri della commissione” che doveva giudicare i candidati”.

In base a quest’ipotesi, la procura ha aperto un’inchiesta iscrivendolo nel registro degli imputati e ha inviato a Gianluca Pini un invito a presentarsi. Lui, dopo averlo comunicato alla procura, ha fatto sapere che “la mia intenzione di confrontarmi con loro in una fase più avanzata dell’inchiesta – sempre che il tutto non venga archiviato prima come mi auguro – e comunque quando mi sarà noto in condizioni di parità su quali fondamenta si basa l’accusa”. Per adesso, al suo posto, semmai parlerà l’esposto che “è mia intenzione depositare”.

E ha aggiunto: “Devo dire che al momento della notifica dell’invito la mia volontà era stata quella di presentarmi immediatamente senza attendere la data dell’invito, in ragione della mia totale estraneità all’accusa. Ho forse peccato di ingenuità perché, poco dopo la notifica riservata dell’invito, sono stato ‘informato’ dalla stampa (!) che queste accuse si fonderebbero su di un misterioso esposto: se ho ben capito anonimo, ma nello stesso tempo ‘dettagliato’”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tangenti a Parma:
Mangiarotti patteggia la pena

next
Articolo Successivo

Bersani, Casini e Lupi domani a Bologna per i 100 anni del Ccc

next