Belen Rodriguez scende la scala dell'Ariston durante la seconda serata del Festival di Sanremo

Sanremo, prima serata. Arriva Celentano e si lancia in uno sproloquio infinito di 50 minuti. Condivisibile o no, poco importa: ha annoiato e non poco. Il giorno dopo, visto che il Molleggiato (ormai ribattezzato il “Noleggiato”) spara cannonate mica da ridere su Chiesa, stampa cattolica, Aldo Grasso e tutto il cucuzzaro, la morigeratissima Lorenza Lei manda il vicedirettore generale Antonio Marano, commissario con licenza di intervenire. Roba da Rai, insomma: la stalla viene chiusa goffamente dopo che i buoi sono scappati, peraltro spernacchiando il contadino.

Sanremo, seconda serata. Belen Rodriguez scende la scalinata dell’Ariston letteralmente con la passera al vento, mostrando il tatuaggio farfalloso piazzato accanto alla farfalla farfallosa propriamente detta. Mutande sì o mutande no? Mutande no. E basta riguardare il video per notare l’accenno di pube spuntare da sotto il vestito svolazzante. Reazioni della cattolicissima Lorenza Lei? Zero, nada, nisba. Nemmeno una parola scandalizzata sull’esibizione sfrontata del pube femminile in prima serata, sul palco dello show più nazionalpopolare d’Italia. Nemmeno uno straccio di vicedirettoregrancavalierelupmanfigldiputt inviato sul posto per mettere una pezza sulla sfrontata patonza.

Peraltro, le grazie di Belen le abbiamo viste tutti (o quasi) nel video porno fatto circolare dall’ex fidanzato argentino. Non abbiamo visto niente di nuovo, insomma. Tutta roba riciclata che ha già fatto impazzire (e perdere la vista?) migliaia e migliaia di nerd smanettoni.

E non siamo certo scandalizzati da questa ostentata nudità, sia chiaro. Quello che sorprende è l’atteggiamento di viale Mazzini: Celentano sproloquia e il giorno dopo commissariano la Rai; Belen “spatonza” e il giorno dopo niente, tutti zitti e muti. E magari qualche dirigente del settimo piano di viale Mazzini sta pure riguardando ossessivamente il video incriminato, chissà…

Tutto frutto della classica doppia morale della Rai, che da un lato fustiga chi la fa fuori dal vasetto, chi attacca l’inattaccabile, a ragione o a torto poco importa, e dall’altro chiude un occhio, anzi due, su altri tipi di volgarità, quelli più classici da tette e culi, che tanto piacciono, secondo i lungimiranti padroni della tv di Stato, al pubblico italiota.

Sabato, intanto, tornerà Adriano Celentano. Consiglio non richiesto per il Molleggiato: dica tutto ciò che vuole, esageri, spari altri 125 milioni di cazzate, ma lo faccia scoprendo l’inguine e mostrando un po’ di pelo pubico. Lorenza la Cattolica non avrà nulla da ridire, ne siamo sicuri.

Twitter: #Domenico Naso

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’elemosina di Celentano

next
Articolo Successivo

Nasce l’Ufficio di Scollocamento

next