Protetto da circa 6000 agenti e stretto d’assedio da decine di migliaia di manifestanti, il parlamento greco ha approvato nella tarda serata di sabato il nuovo piano di austerity imposto dalla Troika, condizione fondamentale per lo sblocco del maxi aiuto da 130 miliardi di euro che, si dice, potrebbe presto essere incrementato di altri 15 miliardi. Via libera, dunque, ai 3,3 miliardi di tagli alla spesa pubblica che colpiranno ancora una volta welfare e stipendi in un vortice recessivo che rischia di affossare definitivamente l’economia più precaria d’Europa. Se mercoledì arriverà l’atteso nulla osta europeo (e l’accordo con i creditori sarà completato) il default sarà quindi scongiurato. Sempre che, come temono in molti, non finisca per essere solo rimandato.

Con il voto del parlamento, la Grecia si impegna dunque a tagliare del 22% il salario minimo e a licenziare nello spazio di un anno 15 mila dipendenti pubblici con l’obiettivo di tagliare circa 150 mila impieghi statali entro il 2015. Sì anche ai tagli nel settore della difesa (300 milioni che compenseranno il mancato intervento sulle pensioni minime) alla riduzione del 30% dei costi del sistema sanitario. Il programma prevede poi una massiccia campagna di privatizzazione degli assets statali per un totale di 50 miliardi di euro da completare entro tre anni. A giugno, infine, l’esecutivo ellenico dovrà stilare un nuovo piano di austerità da 10 miliardi da realizzare tra il 2013 e il 2015.

La ricetta, insomma, è davvero indigesta. Per i greci, già spossati dai precedenti tagli e dalla spirale della recessione, si preannuncia un futuro ancora peggiore. La classe media rischia di scomparire scivolando progressivamente verso la povertà. I ceti più poveri rischiano al contempo di sperimentare situazioni di miseria al limite dell’emergenza umanitaria. Non è difficile capire le ragioni dei manifestanti. Ma è altrettanto semplice comprendere quelle di un esecutivo ormai pressoché commissariato dall’Ue, dai creditori e dalla realtà dei fatti. Il ministro delle finanze Evangelos Venizelos ha sintetizzato la misura del dramma in poche pesantissime parole: “La scelta – ha dichiarato – non è tra i sacrifici e non fare sacrifici, ma tra i sacrifici e qualcosa di inimmaginabile”. Difficile dargli torto.

L’alternativa all’austerity, e quindi agli aiuti esterni che ad essa sono legati, si chiama default. Non quello selettivo già in programma (che costerà ai creditori almeno il 70% del valore nominale dei titoli), ovviamente, ma quello conclamato. Una bancarotta disordinata che scatterebbe già il prossimo 20 marzo, alla scadenza di quei 14,5 miliardi di bond che la Grecia non è oggi in grado di liquidare. E che, ovviamente, imporrebbe l’addio all’euro con tutte le sue ovvie conseguenze. Reintrodotta in queste circostanze, la vecchia dracma si svaluterebbe in un attimo facendo esplodere l’inflazione. Il sistema bancario nazionale, primo creditore dello Stato, andrebbe incontro al collasso congelando i risparmi dei cittadini. La valuta estera abbandonerebbe il Paese e lo Stato, incapace di finanziarsi sui mercati attraverso nuove emissioni sarebbe costretto a stampare una valanga di denaro alimentando il circolo dell’inflazione. Di fatto, un disastro su tutta la linea.

Insomma, in questo colossale dramma nazionale la ragione sembra stare da più parti. Non hanno torto i cittadini greci che protestano contro i provvedimenti del governo, non ha torto il governo nel riconoscere nei tagli l’unica alternativa percorribile. E in fondo, a dirla tutta, non hanno nemmeno torto gli investitori stranieri che si preparano a perdere 70 centesimi per ogni euro investito in titoli greci senza ottenere i benefici dei relativi Credit default swaps, i derivati assicurativi che dovevano garantire un risarcimento in caso di fallimento e che invece, ha già fatto sapere l’Isda, l’ente regolatore del settore, non dovranno essere liquidati di fronte a un haircut che, per quanto imposto, resta tecnicamente volontario. La tragedia, in fondo, è tutta in questo paradosso. Anche se a parità di ragione il prezzo finale da pagare non sarà lo stesso per tutti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le sofferenze dei greci
in nome delle banche

prev
Articolo Successivo

Ok austerity in Grecia, borse europee in rialzo
Milano chiude piatta. Spread a 367 punti

next