Gli italiani pensano solo a quello. Giorno e notte. È il posto fisso. Un’illusione, secondo la Fornero; una noia, secondo quell’irrequieto di Monti. Ma soprattutto un’ossessione, una malattia, una vera e propria perversione per un mondo del lavoro ormai flessibile come il nostro.

Il compito che questo governo si è dato è quello di cambiare il costume lavorativo di questo paese ancora bigotto e conformista, facendo finalmente scoprire agli italiani il piacere del lavoro libero e occasionale. “L’importante è che il rapporto di lavoro sia protetto ha detto il ministro Fornero a proposito di tutele “e che siano consenzienti sia il dipendete che il datore di lavoro”.

Il motto è: perché stare fisso dietro una scrivania, quando puoi starci sopra o sotto oppure, meglio ancora, te ne stai a casa? Il messaggio è rivolto soprattutto ai giovani: prima di impegnarvi in un lavoro serio e stabile, fatevi le vostre esperienze. Il governo pertanto invita i giovani a provare a lavorare con persone diverse, anche dello stesso sesso, e a sperimentare persino il lavoro di gruppo.

Nei colloqui di lavoro verranno introdotte domande tipo “Durante un lavoro hai mai finto uno stipendio? o “Qual è il posto più strano dove hai lavorato?” (“In un ascensore” “Sopra la lavatrice” “Dentro un’utilitaria con i sedili reclinati”). Quello a cui il Governo Monti punta è cambiare le fantasie degli italiani; e ci stanno riuscendo, se pensate che già il 33% delle donne alla domanda “Qual è il tuo sogno professionale?” ha risposto “Lavorare con uno sconosciuto” – mentre quello del 41% degli uomini è “lavorare con due donne”.

I sindacati accusano il governo di trasmettere ansia da prestazione lavorativa agli italiani, come dimostrato dal crescente fenomeno dei licenziamenti precoci, e accusano: “Il precariato fa diventare ciechi”. Ma il ministro Fornero non ci sta: “Il precariato aiuta a conoscere meglio se stessi e il proprio corpo”. E a chi accusa sua figlia di avere un posto fisso all’Università, lei ribatte: “Ne ha due. È un triangolo”.

Il Misfatto, 12 febbraio 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stile libero, Dopo lo scoop
del Fatto, Ratzinger corre ai ripari

prev
Articolo Successivo

SuperDario bros – La settimana di Vergassola (12 febbraio)

next