Sondaggio Demos alla mano, il 56% degli italiani è d’accordo con le manifestazioni e gli scioperi contro il governo Monti, mentre il 58% degli italiani giudica positivamente l’azione di governo: il che significa che circa il 14% degli italiani è psicopatico, soggetto a schizofrenia galoppante. Evidentemente, insieme a tassisti e farmacisti in Italia sono state liberalizzate anche le doppie personalità; e ora siamo passati dal sistema bipolare alla sindrome bipolare. Gli analisti – non quelli politici, ma gli strizzacervelli quelli veri – concordano nel dire che il fenomeno può degenerare: “questa gente è capace che scende in piazza e si picchia da sola, poi si esprime solidarietà e si candida – ma non si vota”. Un fenomeno simile al Pd, ma più trasversale e soprattutto in crescita.

Gli italiani sono da sempre dei cittadini fragili e instabili, capaci di passare da piazza Venezia a piazzale Loreto senza soluzione di continuità. In Berlusconi avevano trovato un punto di riferimento, da amare o da odiare in egual misura; ma senza faticano a trovare un nuovo equilibrio, si sentono smarriti a non essere né maggioranza né minoranza del Paese, e danno i numeri.

Ma i più smarriti – e preoccupati – sono i politici: da sempre attenti ad assecondare i gusti dei cittadini pur di farsi votare, adesso non ci stanno capendo più niente. “Questi ci stanno facendo uscire matti pure a noi!” si sfoga un noto esponente politico “Non capiamo da che parte stanno gli elettori; e finché non capiamo questo noi politici non possiamo prendere una posizione… al massimo due!”

Il futuro del paese è dunque in mano a personalità multiple. Non era esattamente questo quello che intendevamo quando chiedevamo più pluralismo.

Il Misfatto, 5 gennaio 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

SuperDario bros. La settimana
di Dario Vergassola

prev
Articolo Successivo

Pronto, Putin? Ci serve
il gas per i panzerotti…

next