In provincia di Reggio Emilia  si circola lentamente ma in modo regolare sulle strade principali ad esclusione di quelle Appenniniche dove è sconsigliato mettersi in viaggio. Nei comuni appenninici infatti la neve ha oramai superato il mezzo metro d’altezza. Il traffico per i mezzi pesanti  è stato riaperto in direzione nord, mentre è ancora vietata la circolazione dei camion in direzione Bologna sia in autostrada che lungo la Via Emilia.

Sul fronte degli incidenti si segnalano 2 feriti lievi a Campagnola Emilia sulla strada provinciale 4, per uno scontro tra un autobus ed una vettura privata. Nella mattinata un altro incidente senza gravi conseguenze si era registrato a Guastalla. Nel Comune di Reggio è stato inoltre revocato il blocco del traffico previsto per la giornata di giovedì. Veniamo ora alla situazione  delle scuole. Il prefetto Antonella De Miro ha disposto la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado della provincia di Reggio per la giornata di giovedì. Domani si valuterà la situazione per decidere l’eventuale chiusura nella giornata di venerdì.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Modena, denuncia dei sindacati: “I bus sono senza gomme da neve”

prev
Articolo Successivo

Una lunga scia di morti sospette

next