Una scossa di terremoto è stata avvertita in tutto il nord Italia: secondo le primissime stime dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) si è trattato di un evento sismico di magnitudo 5.4, avvenuto a circa 60,8 chilometri di profondità, nella zona confine fra la provincia di Modena (a Frignano) e l’Appennino tosco emiliano. La scossa è stata avvertita a Milano e a Torino, ma soltanto ai piani alti delle abitazioni, mentre è stata ben percepita a Genova. Il direttore dell’Agenzia regionale della Protezione civile dell’Emilia Romagna, Demetrio Egidi, avverte: “Stiamo facendo verifiche per capire se si tratta della stessa faglia interessata dalla scossa di mercoledì scorso con epicentro nel reggiano oppure no. Comunque è stata una scossa molto profonda e per questo motivo è stata avvertita distintamente in un raggio fino a 100 chilometri, fino a Milano e Genova, ma anche in Toscana e in Veneto”.

Già questa mattina un lieve evento sismico era stato avvertito in provincia di Bolzano. Le località prossime all’epicentro sono state Laces, Silandro e Castelbello. Dalle verifiche effettuate dalla Protezione Civile “non risultano danni a persone o cose”. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico è stato registrato alle 08.39 con magnitudo 2.6. Le scosse di oggi arrivano a due giorni di distanza dal terremoto di magnitudo 4.9 della scala Richter, con epicentro nella provincia di Reggio Emilia, che aveva colpito la zona della pianura padana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav: ieri, 26 gennaio 2012

prev
Articolo Successivo

Beppe Grillo e il cattivismo razzista

next