In attesa del ricevimento che si terrà il 16 febbraio prossimo all’ambasciata italiana presso la Santa Sede per l’anniversario dei Patti lateranensi, Mario Monti è stato ricevuto in udienza da Benedetto XVI.

Pare che lo scopo, oltre alla presentazione formale, fosse quello di illustrare come il governo abbia affrontata l’emergenza economica e come, timidamente, si aspetti che anche la Chiesa partecipi al risanamento dei conti, con la rinuncia o il ridimensionamento di qualche privilegio.
Dal silenzio generale che ne è seguito sembrerebbe che non siano stati ottenuti risultati significativi.

Bussate e… nessuno vi aprirà

Nell’Italia della crisi
anche i preti son decisi
a salvar, fin che si può,
il gradito status quo.

Incassar l’otto per mille
che uno stato un po’ imbecille
non reclama sia adeguato
in accordo al Concordato.

Commerciar, furbi e felici,
senza mai pagare l’Ici,
grazie all’espediente lercio
di far sacro anche il commercio.

Ottener su scuole sante
di quattrin pioggia abbondante
dallo Stato Pantalone,
contro la Costituzione.

Praticare il riciclaggio
dei quattrin da brigantaggio
di devoti malfattor,
trafficando con lo Ior.

Governanti farisei
inondarono di sghei
nel passato Madre Chiesa,
ma una spia rossa si è accesa:

son finiti i tempi lieti,
paghin tutti, pure i preti
o altrimenti al fallimento
arriviamo in un momento.

Per fortuna c’è al timone
non più il vecchio Capellone
che, per farsi perdonare
dalle genti dell’altare

bunga bunga, barzellette,
crocefissi fra le tette,
corruzion, servi, bugie
e altre mille porcherie,

si prostrava in Vaticano
con inchino, baciamano
ed un ricco gruzzoletto
per Wojtyla e Benedetto.

Ora abbiamo un Mario Monti
che alla Chiesa non fa sconti,
pur essendone un devoto
che alla messa, come è noto,

va alla festa, quando è l’ora,
con la sua gentil Signora.
Nel momento d’emergenza
Monti al Papa chiese udienza

per il fine settimana.
Biblioteca vaticana,
meeting fra due professori:
senza orpelli né clamori,

senza falsi baciapile,
senza bande nel cortile,
senza tanti bla bla bla,
non velata la metà

che non porta alcun gioiello.
Nessun bacio dell’anello,
nessun pettorale d’oro
come dono, ma un lavoro

dell’illustre bocconiano
sull’Economia ed il Grano.
Una sobria esposizione
della triste situazione

con l’auspicio che non duri
e alla fin giungon gli auguri
del campione dei conclavi:
Noi speriam che te la cavi!

Con il Papa, questo è chiaro,
non si parla di denaro,
ma di fede e religione.
Per i soldi c’è Bertone,

Segretario dello Stato
dal qual, dopo, Monti è andato.
Non le sembri un sacrilegio,
ma almen qualche privilegio

vorrei togliere alla Chiesa…
Ma è impossibile l’impresa
di scucir qualche quattrino
e Bertone, birichino,

manca man sul destro braccio
fa al premier quel tal gestaccio
del qual Bossi si fa bello.
E col gesto dell’ombrello

vaticanamente spiega:
Della crisi ce ne frega!
Pregan le Madonne e i Cristi,
ma son peggio dei taxisti!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez