“Certi giudizi sulla Consulta li avevo sentiti solo da Berlusconi”. Dall’assemblea lombarda del Partito Democratico, il segretario Pierluigi Bersani torna sulle parole con cui Antonio Di Pietro aveva commentato la bocciatura dei referendum da parte della Corte Costituzionale. “Le critiche ci possono essere e non pregiudicano i nostri rapporti”, ha spiegato Bersani, “ma se sento parlare di inciuci e tradimenti, la cosa si fa seria, e il punto per noi diventa insuperabile”. Secondo il segretario del Pd il Parlamento dovrà impegnarsi perché non si arrivi al voto con la legge Calderoli, “ma in quel malaugurato caso attiveremo forme di partecipazione”. Ma di primarie, tempi e modi compresi, Bersani ancora non parla. E nel suo intervento dal palco precisa: “Un gruppo parlamentare ha bisogno di competenze che la partecipazione e la spontaneità non sempre sono in grado di garantire”, spiega, e aggiunge una battuta: “Non ho intenzione di mettermi a nominare deputati, ma non possono nemmeno venir fuori gruppi parlamentari in cui siano tutti ferrovieri”. di Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Herat, donne in carcere perché “fuggite da casa”

prev
Articolo Successivo

Guardia costiera: “Dispersi? Non c’è un numero preciso”

next