Il boss palermitano Salvo Madonia,condannato all’ergastolo per l’assassinio dell’imprenditore Libero Grassi, è indagato dalla procura di Caltanissetta per la strage di Capaci che costò la vita al giudice Giovanni Falcone, alla moglie e agli agenti di scorta.

Secondo gli inquirenti avrebbe partecipato, insieme al capomafia Totò Riina, ad una delle riunioni in cui si pianificò l’eccidio. Madonia, figlio dello storicocapomafia di San Lorenzo Francesco, è in carcere dal 14 dicembre del 1991. A coinvolgere il boss nella fase preparatoria della strage di Capaci sarebbe stato il collaboratore di giustizia Giovanni Brusca.

L’indagine sull’eccidio del giudice Falcone è stata riaperta tre anni fa dalla procura di Caltanissetta che ha avviato nuovi accertamenti anche sull’assassinio di Paolo Borsellino, ucciso il 19 luglio del 1992 a Palermo.

Fondamentali per riscrivere la verità sulla strage di via D’Amelio sono state le rivelazioni del pentito Gaspare Spatuzza che ha scagionato una serie di persone condannate all’ergastolo per l’eccidio e consentito l’individuazione di nuovi responsabili come, secondo quanto si apprende, un meccanico palermitano. La procura, invece, sarebbe orientata a chiedere l’archiviazione per l’ex funzionario del Sisde Lorenzo Narracci coinvolto nell’inchiesta sul cosiddetto terzo livello. A carico del funzionario non sarebbero stati trovati elementi sufficienti per continuare ad indagare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Monti da Fazio: il Porcellum non si tocca

prev
Articolo Successivo

Napoli, se ne va anche Vecchioni. “Troppe voci maligne, lascio il Forum delle culture”

next