Delegazioni di leghisti a Lourdes per chiedere alla Madonna il riconoscimento della Padania. Perché l’Immacolata capisce tutte le lingue, idiomi lombardi inclusi. La prova? E’ apparsa a una bambina a cui ha parlato in bergamasco. Per i militanti del Carroccio, poi, la cittadina francese è la meta di pellegrinaggio prediletta, a differenza di Roma che è ormai caduta nella mani di Satana. Tutto questo è andato in onda il 31 dicembre da Radio Padania.

La registrazione è stata segnalata su L’AntiComunitarista, il blog di Daniele Sensi dove è stato postato l’intervento di Andrea Rognoni, l’inviato della radio del Carroccio. Rognoni si era già distinto in passato per avere definito il terremoto in Abruzzo un “segno profetico dell’imminente islamizzazione dell’Europa”, dichiarato che Anna Frank non è una santa e crepi con Satana chi ci accusa di moralismo” e invitato i padani a recarsi alla Malpensa “alla ricerca del Sacro Graal” lo scorso luglio . “Siamo in giro per il mondo – spiega in collegamento Rognoni – per uno specialino di 20 minuti da Lourdes” che “sta bene come luogo di elezione perché siamo durante le cosiddette feste di Natale”. Nonostante, osserva, alcuni preferiscano passarle “sulle piste da sci di qualche località montana padano alpina deturpata dalle strutture turistiche”. L’inviato è insieme a una delegazione di militanti per avanzare alla Madonna richieste spirituali a sostegno dell’identità padana. “Maria – spiega – non sta a guardare in faccia soltanto agli stati nazione, alle proterve realtà raffigurate dalle capitali effettive riconosciute da Strasburgo e Bruxelles, ma in qualche modo volge il suo sguardo pietoso anche verso la Padania che non è stata ancora riconosciuta ufficialmente”, prosegue. E si augura un futuro in cui gli idiomi padani siano importanti quanto le lingue nazionali. Con l’aiuto della Madonna, ovviamente. “Chissà che non ci sia un cartello – dice – che riporti il ‘Padre nostro’ in lingua lombarda, veneta, piemontese emiliana” perché Maria “volge lo sguardo comprensivo anche verso queste realtà”.

E anche da Lourdes non manca il colpo basso alla Capitale, nonostante il Vaticano sia il luogo di elezione per i cattolici: “Noi come padani e padanisti – puntualizza – intratteniamo con Lourdes un rapporto privilegiato alternativamente a Roma”. Infatti, aggiunge, “il viaggio santo per noi non è Roma, che è una città diventata ormai figlia di Satana per tantissimi motivi, ma è Lourdes”. O come ci tiene a precisare “l’antica ‘Lorda’ in guascone occitano con accento ligure”. Sulle ragioni della Capitale divenuta propaggine del Male da Radio Padania non arrivano ulteriori spiegazioni e l’inviato spera solo che il viaggio santo porti “vantaggi per l’intera padanità” e chiede “all’Immacolata che la realtà padana venga riconosciuta in quanto tale e difenda con dignità i suoi principi valori e radici”. Prima di chiudere il collegamento, una chiamata di una militante leghista dell’associazione “Umanitaria padana” spiega che un’altra delegazione del Carroccio si sta dirigendo a Medjugorie. “Incredibile!” esulta Rognoni e la donna conferma l’affetto della Madonna per il Nord: “La madre di Dio alle Ghiaie di Bonate [in provincia di Bergamo, ndr] è apparsa a una bambina parlando in bergamasco” e “in Veneto, in occasione di una battaglia contro gli islamici, apparve a un ragazzino parlando in Veneto”. Una prova inconfutabile, secondo gli ospiti di Radio Padania, che “la Madonna non disdegna nessuna delle nostre lingue”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Da democrazia a stato autoritario. L’Ungheria di Orban chiude anche sulla libertà di stampa

prev
Articolo Successivo

Fava, Impastato,
il sangue e l’inchiostro

next