“Non riesco a comprare le medicine, a volte mangio solo latte e pane”, Ludovica da Brescia, vittima da sangue infetto. E’ solo una delle testimonianze raccolte da Andrea Spinetti, presidente del Comitato “Vittime sangue infetto” (vai al sito). Anche lui un giorno è entrato in ospedale per una trasfusione e ne è uscito con una malattia grave. Colpa di una sacca di plasma non controllato. Ieri in Senato a Palazzo Madama, si è svolta la conferenza dal titolo: “Emodanneggiati: istantanea di un fenomeno”, organizzata dai Radicali Italiani. In Italia sono circa 80 mila gli emodanneggiati, 4 mila le vittime, solo 700 le persone risarcite. Gli altri aspettano da anni un indennizzo che forse non arriverà mai. Lo Stato infatti è deciso a far valere la prescrizione per via di una sentenza della Cassazione del gennaio 2008. Secondo i giudici, spiega l’avv. Mario Melillo, “per ottenere il risarcimento c’è un tempo di 5 anni a decorrere dalla data di presentazione della domanda”. Ma i legali delle vittime non ci stanno e spiegano le loro ragioni: “Se il reato è di epidemia, allora i tempi della prescrizione si allungano fino a 15 anni. In tal caso – dichiara l’avv. Stefano Bertone – tutti i nostri assistiti avrebbero diritto assoluto al risarcimento”.
di Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Da Minzo a Fiumicino

next
Articolo Successivo

Began: “A letto Berlusconi mi ha fatto vedere le stelle”

next