Emanuela Romano

E’ un momento infelice per il vivaio napoletano delle pupille di Berlusconi. E’ stata appena rinviata a giudizio Emanuela Romano, 30 anni, cofondatrice del club ‘Silvio ci manchi’, animato da giovani ragazze che in passato festeggiavano con striscioni e cori le frequenti puntate napoletane dell’ormai ex premier. La Romano, laurea in psicologia, master in Publitalia e una partecipazione a Miss Italia, fa parte del Comitato Regionale delle Comunicazioni (Corecom), di nomina del consiglio regionale campano, che ha tra i suoi scopi quello di compilare la graduatoria per l’assegnazione dei fondi pubblici alle emittenti radiotelevisive private locali.

La sua elezione però è finita sotto inchiesta. La Romano è accusata di aver attestato falsamente di non trovarsi in condizione di incompatibilità mentre il 14 settembre 2010 presentava la domanda per far parte dell’organismo. La falsità consisterebbe nell’aver ‘omesso’ la circostanza di essere, in quel momento, assessore ai Servizi Sociali del Comune di Castellammare di Stabia, guidato dal sindaco Pdl Luigi Bobbio. “Carica espressamente prevista dalla legge regionale come condizione di incompatibilità”, scrive il pm di Napoli Giancarlo Novelli nel decreto di citazione diretta a giudizio (l’ipotesi di reato è di quelle che non prevede il vaglio dell’udienza preliminare). E non è stato sufficiente dimettersi dalla giunta stabiese subito dopo essere stata eletta nel Corecom. Per la Procura, le dimissioni le ‘blindano’ la permanenza nell’organismo regionale (la nomina non può essere annullata), ma non le evitano un processo per la falsa attestazione, che inizierà il 14 novembre 2012 di fronte al giudice unico Baiocco della Quarta Sezione Penale del Tribunale di Napoli.

I guai giudiziari della Romano arrivano subito dopo la notizia dello svuotamento delle amministrazioni provinciali, e in quella di Napoli avevano trovato comodo rifugio altre due giovanissime amiche e ammiratrici del Cavaliere: la 26enne ex soubrette e consigliera provinciale Francesca Pascale – fotografata qualche settimana fa all’uscita di Palazzo Grazioli in piena crisi di governo – e la 27enne assessora alle Pari Opportunità ed ex meteorina del Tg di Emilio Fede, Giovanna Del Giudice, il cui ruolo peraltro è a rischio dopo l’azzeramento della giunta deciso dal presidente Pdl Luigi Cesaro.

Nomi femminili che ricorrevano spesso in quel miscuglio di cronaca politica e rosa che ha raccontato negli anni scorsi i meccanismi di selezione della classe dirigente Pdl. Una foto su tutte, pubblicata nell’estate del 2009: Emanuela Romano, Francesca Pascale e Virna Bello che scendevano da un aereo del premier a Olbia per essere ospiti nella residenza sarda di Berlusconi, a Villa Certosa. Foto che risalirebbe al 2006. Delle tre Virna Bello, soprannominata ‘braciuolona’, è quella uscita per prima dai giri politici che contano. Ha fatto parte solo per un anno della giunta di Torre del Greco. Poi è stata esautorata per far spazio al rampollo di un ex assessore comunale. “Un figlio di papà al posto di una papi girl” commentò perfido qualche cronista locale con notevole senso dell’umorismo. La Bello ora è dipendente di una società pubblica di trasporti.

L’inchiesta culminata nel rinvio a giudizio della Romano è nata in seguito all’esposto di Remigio del Grosso, segretario nazionale della Lega consumatori delle Acli. Uno dei 386 presentatori di domanda al Corecom, non eletto. In base a questa denuncia è stato indagato anche Andrea Palumbo, ex consulente di direzione aziendale per del gruppo di tv locali Tele A, Tele A+ e Tv Capital. Palumbo ha però dimostrato che i suoi rapporti di lavoro erano già cessati al momento di presentare la domanda. E il pm ha disposto l’archiviazione della sua posizione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, la Dia cerca il “papello” di Riina in casa dell’ex senatore Lino Jannuzzi

prev
Articolo Successivo

Casal di Principe, sindaco e assessore davano targhe antimafia. Arrestati per camorra

next