Personalmente questa manovra, un poco, mi salassa. E per fortuna che la mia barca a vela è inferiore ai 10 metri altrimenti avrei preso in seria considerazione l’ipotesi di metterla in “svendita“. Ma il salasso, in sé e per sé, non mi crea particolari incazzature qualora andasse a reale beneficio di un mondo più giusto fatto, ad esempio, di un costo del lavoro minore con più soldi in tasca alle persone. Né mi disturba andare in pensione qualche anno più tardi se mi si convince che anche chi inizia a lavorare oggi potrà godere di un trattamento dignitoso in futuro, o se questo risparmio andrà a beneficio del sistema scolastico italiano (pubblico).

Al netto di chi vive con pensioni da sopravivenza su cui l’assenza del meccanismo di indicizzazione peserà non poco, tutto il resto non mi sembra né macelleria sociale, né una stretta economica da gettarmi nella più cupa povertà.

Quindi il problema, per come la vedo io, non va nella direzione delle migliaia di euro che pagherò di tasse sulle case il prossimo anno. Il vero problema verte sulla destinazione che verrà data a queste migliaia di euro. A cosa serviranno le tasse che pagherò il prossimo anno? Alle assunzioni clientelari di qualche assessore o a consulenze a mogli di trombati e ai trombati stessi? Serviranno a gettoni di presenze per carozzoni pubblici o para pubblici o a contributi alla banda del paese dell’onorevole amico? Serviranno per evitare che anche la Chiesa cattolica e apostolica faccia il suo o a dare il bonus per chi ha iscritto alle scuole private il proprio amato figliolo?

Il tema, quindi, non riguarda tanto quanto pagherò. Ma riguarda moltissimo l’utilizzo che si vorrà fare dei miei soldi.

Il mio giudizio sul governo tecnico sarà positivo o negativo dopo questa seconda azione di governo su cui, ad oggi, mi sembra che si sia balbettato o poco più. Il vero corso investe un nuovo/vecchio paradigma della politica ponendo lo Stato a servizio dei Cittadini e non, quello che accade oggi, i Cittadini a servizio dello Stato.

La vera manovra che mi aspetto da Monti e dai tecnici è questa. E se accadesse, ben felice di contribuire ulteriormente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi, vertice Francia-Germania
Sarkozy: “Gli Eurobond non sono la soluzione”

prev
Articolo Successivo

“Spread alle stelle non era colpa di Berlusconi”
Ma i numeri dicono esattamente il contrario

next