La norma anti-zoom voluta dall’ufficio di Presidenza della Camera dei deputati contro fotografi e cameraman verrà solo in parte annullata. Il tutto nasce dalle famigerate foto in Aula ai biglietti di B. e Letta. Da lì il giro di vite. Per accedere alla tribuna stampa di Montecitorio, infatti, i fotografi devono firmare un modulo in cui si impegnano a non usare macchine fotografiche e telecamere. Così ieri si è trovato un compromesso (al ribasso per i fotografi ovviamente): i fotografi dovranno firmare un codice di autoregolamentazione. Sarà l’associazione dei fotografi e non il collegio dei questori della Camera a comminare le sanzioni per chi trasgredisce. Ma cosa cambia in sostanza? Vi sarà il divieto di immortalare telefonini e lettere dei deputati. Per il presidente della Camera, Gianfranco Fini, la norma parla chiaro: l’aggettivo ‘epistolare’ sta a significare che deve essere mantenuta la “segretezza della corrispondenza” dei parlamentari. Secondo il presidente dell’Odg, Enzo Iacopino, invece “la norma resta ancora non del tutto chiara”.
Video di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Licio Gelli e la massoneria “che oggi non conta più niente”

next
Articolo Successivo

Monicelli, omaggio al Maestro a un anno dalla scomparsa

next