Una volta c’erano i Telegatti. Oggi ci sono i Teletopi, ossia gli oscar delle migliori televisioni online dell’anno. Per un giorno, l’esercito delle web tv di tutta Italia esce dalla rete e si ritrova a Bologna, per confrontarsi e premiare i vincitori di un contest, che già dal nome, sembra fare il verso alla tradizionale televisione.

L’appuntamento è fissato per domani, all’auditorium Enzo Biagi della Sala Borsa.  Tutte le web tv italiane associate alla Federazione di media digitali indipendenti e mappate da Altratv.tv, l’osservatorio nato all’Università di Bologna nel 2004 grazie al lavoro di Giampaolo Colletti e a un’idea di Carlo Freccero, s’incontreranno per dare vita a una giornata di workshop e dibattiti, che si chiuderà con la consegna dei Teletopi agli otto vincitori. Il concorso, arrivato quest’anno alla sua quinta edizione, prevede diverse categorie: da quella dedicata alle web tv di denuncia e inchiesta, a quella per i canali che digitalizzano prodotti audiovideo del passato proponendo così percorsi storici o profili di mestieri talvolta dimenticati. Con due menzioni speciali: miglior format delle micro web tv e miglior modello di business.

Gli iscritti, 130 in tutto, sono stati sottoposti al giudizio di una commissione composta da dieci giornalisti, da esperti di nuovi media e da critici del mondo della carta stampata, della tv e e del web. Tra i nomi ci sono Alessandra Comazzi de La stampa, Antonio Sofi di Rai3, Frascesco Specchia di Libero, e Marco Pratellesi del gruppo editoriale Conde Nast.  Per il secondo anno consecutivo la giuria è presieduta da Carmen Lasorella, ex giornalista e conduttrice del Tg2, oggi a capo di San Marino RTV.

In programma anche lezioni e incontri. Si parlerà di regolamentazione, nuovi mercati, impatto dei social network e Youtube. Una serie di riflessioni per fare luce su una realtà in crescita e in continua evoluzione, che oggi conta più di 500 web tv sparse in tutto il Paese. Nel corso della giornata interverranno anche Paolo Gila, autore di “100 Start up” per il Gruppo24Ore, Giovanna Cosenza, professoressa dell’ Università di Bologna, Dino Bosco, manager di You Tube, Vincenzo Rau, pioniere e imprenditore di Internet, e Guido Scorza dell’Istituto politiche dell’innovazione.

Prevista la diretta sul sito Tiscali e sul quello di Altratv. La partecipazione è gratuita e aperta a tutti, ma è necessaria l’iscrizione online.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Una “ciellina” militante all’istruzione. Ugolini nominata sottosegretario

prev
Articolo Successivo

Aprivano società fantasma e truffavano imprenditori in difficoltà per la crisi

next