Bancomat al posto della tessera elettorale nella nuova era Monti. Telepadania dedica una puntata speciale della trasmissione ‘Polentoni’ al presidente del Consiglio “nominato dallo spread e non dagli italiani”. “Questa è una tessera elettorale, guardatela bene, cari amici, con l’aria che tira, non servirà a molto, la lanciamo, la buttiamo e vi diamo un consiglio, una news, una nuova soluzione: sostituirla col bancomat che è la tessera del governo Monti”, scandiscono i conduttori della trasmissione satirica della tv leghista (anche se questa settimana “c’è poco da divertirsi”, premettono all’inizio della puntata).

“Questa è una carta di credito con nome di una banca importante che è entrata ufficialmente al governo nella persona del dottor Passera Corradino prossimo nostro premier designato”, attaccano, con riferimento al precedente incarico di ad di Intesa SanPaolo. “Non ci resta che attendere tempi migliori, intanto la Lega è all’opposizione, cercherà di tutelarvi come sempre”, conclude la conduttrice, Camilla Vanaria.

Durante la puntata, Telepadania mostra anche il duro intervento al Parlamento europeo di Nigel Farage, leader del partito britannico euroscettico Ukip. Al termine di un’invettiva contro le istituzioni europee, colpevoli di aver consegnato l’Europa al dominio della Germania, l’eurodeputato attacca direttamente i leader europei. “Dopo aver rimosso Papandreou, avete deciso che Berlusconi doveva andarsene; quindi, e’ stato destituito e rimpiazzato da Monti, un vecchio commissario europeo, un architetto affiliato a questo euro-disastro, un uomo che non era neanche membro del Parlamento”, osserva. “Diventa come un romanzo di Agatha Christie dove cerchiamo di stabilire chi e’ la prossima persona che sara’ liquidata, la differenza e’ che noi sappiamo chi sono i cattivi”, aggiunge. Poi rivolto al presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy: “Siete andato in Italia e avete detto che non e’ il momento per le elezioni, ma il momento per le azioni: chi vi da il diritto di dire questo al popolo italiano?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I politici giocano a nascondino

prev
Articolo Successivo

Misure anti-crisi discusse a dicembre
Casini e Fini: “Sottosegretari tecnici”

next