Papa Benedetto XVI

“Vorrei rivolgermi con affetto a tutte le persone che soffrono, ai malati a quanti sono colpiti dall’Aids o da altre malattie, a tutti i dimenticati della società. Abbiate coraggio. Ogni malato, ogni povero merita il nostro rispetto e il nostro amore”. Così Benedetto XVI durante la messa a Cotonou, con fedeli da tutta l’Africa occidentale. Benedetto XVI ha anche spiegato ai malati di Aids che “il Papa vi è vicino con la preghiera e con il ricordo”. Insieme ai vescovi del Benin e ai presidenti delle 40 Conferenze Episcopali dell’Africa e del Madagascar, il pontefice ha celebrato la messa nello Stadio de l’Amitiè di Cotonou, gremito sul prato e negli spalti da 50 mila persone, mentre le centinaia di migliaia che non hanno trovato posto sono rimaste all’esterno.

Anche nell’esortazione apostolica “Africae munus”, firmata ieri a Ouidah, che oggi viene consegnata ufficialmente ai rappresentanti delle 40 Conferenze Episcopali dell’Africa e del Madagascar, Ratzinger lancia un forte appello all’intera comunità internazionale: occorre “trovare soluzioni e rendere accessibili a tutti i trattamenti e le medicine, considerando le situazioni di precarietà. La Chiesa – ricorda il testo – sostiene da molto tempo la causa di un trattamento medico di alta qualità e a minore costo per tutte le persone coinvolte”. In unione con i vescovi africani, scrive inoltre Ratzinger, “rinnovo il mio sostegno e mi rivolgo a tutte le istituzioni e a tutti i movimenti della Chiesa che operano nel settore della sanità e specialmente dell’Aids: realizzate un lavoro meraviglioso e importante. Chiedo alle agenzie internazionali di riconoscervi e di aiutarvi nel rispetto della vostra specificità e in spirito di collaborazione. Incoraggio vivamente ancora una volta”. Nessun riferimento, da parte del papa, alle misure contraccettive per limitare la diffusione della malattia, tema su cui la Chiesa si è sempre mostrata poco disposta a dialogare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brescia, in duemila contro Green Hill
“Da lì 2500 beagle all’anno per vivisezione”

prev
Articolo Successivo

Cremona, pensionato investito e ucciso
Dopo la fuga il responsabile si costituisce

next