A Milano i Collettivi studenteschi si sono introdotti questa mattina negli uffici del Parlamento europeo di corso Magenta. “Abbiamo qualche domanda per i parlamentari europei”, hanno annunciato gli studenti, che si sono trattenuti per qualche decina di minuti con i funzionari presenti. La protesta è poi proseguita in strada con il blocco del traffico. Alcuni fac-simile di titoli di stato sono stati bruciati, mentre una decina di studenti si distendeva sulle rotaie del tram per disegnare sull’asfalto le loro sagome. Tra gli slogan contro il mondo delle banche e della finanza, anche qualche giudizio sul possibile nuovo presidente del Consiglio Mario Monti: “Se la politica rimane la stessa, quella dell’austerity, la nostra opinione non cambia”, spiegano gli studenti, che in coro hanno gridato “Monti, Alfano, Berlusconi, uno per uno fuori dai c…”. di Franz Baraggino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Laboccetta (Pdl) porta via il pc di un indagato

next
Articolo Successivo

Max Giusti inventa in radio ‘Il Fatto’

next