Le voci sulle possibili dimissioni di Silvio Berlusconi travalicano i confini nazionali e arrivano ben presto all’estero: in Gran Bretagna la BBC apre con la foto del Cavaliere corredata dal titolo “record per i tassi di prestito dell’Italia” e osserva che “la preoccupazione” dei mercati verte “non tanto sull’economia italiana ma sulla sua situazione politica”, oltre a sancire che “potrebbe essere l’inizio della fine per Berlusconi”, riportando le affermazioni di un esperto della City. “Le speculazioni su Berlusconi irritano i mercati” è invece il titolo, in prima pagina, del Financial Times. In Francia, la stampa non è più clemente: “Silvio, è finita, inutile accanirsi”, titola Le Mondecitando le parole del ministro dell’interno Roberto Maroni pronunciate ieri a “Che tempo che fa?”. In Germania il popolare tabloid Bild scrive: “Berlusconi, ultime ore al potere?” ed evidenzia che “il governo è senza maggioranza”. Per lo Spiegel Online: “Berlusconi nega i rumors sulle sue dimissioni” anche se “i mercati sperano in un suo ritiro”. In Spagna El Pais titola “Berlusconi accelera i tempi per salvare il governo” benché, secondo il quotidiano iberico, il premier “stia crollando”.

I rapporti tra il premier e il quotidiano diretto da Javier Moreno non sono mai stati idilliaci, soprattutto da quando nel 2009 il giornale mostrò in esclusiva le foto scattate da un fotoreporter italiano a Villa Certosa, dopo che Panorama le aveva rifiutate. El Mundo punta l’attenzione sulla volontà di Berlusconi di non dimettersi:“L’Italia annega nel mercato del debito mentre Berlusconi si aggrappa al posto”. Oltreoceano, il New York Times in prima pagina titola “Berlusconi nega i rumors sulle dimissioni” e sottolinea come la crisi del debito europeo oggi “ha minacciato il secondo governo dell’Ue (dopo la Grecia, ndr) visto che il sostegno al premier è sembrato erodersi rapidamente”. Il Wall Street Journal, infine, apre con il titolo “Il futuro di Berlusconi è appeso a un filo” ed evidenzia come il premier stia mettendo in campo “gli ultimi disperati sforzi per salvare la coalizione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Il Kindle e i Siciliani

next
Articolo Successivo

Chi vuole espropriare Berlusconi?

next