Nello stesso giorno in cui un francese e una tedesca ridevano di un italiano (l’unico del trio ad essere rimasto protagonista di barzellette), in Svizzera si affermava alle elezioni la Lega anti-italiana – quella che considera gli italiani al Cern di Ginevra non “cervelli in fuga” ma metastasi.

Uno spettro si aggira per l’Europa, il sentimento anti-italiano: sono tornati in voga termini come Maccaronì, Mangiaspaghetti, Pizzagang; è vietato agli italiani entrare nei luoghi pubblici, specie quelli dove si stanno tenendo vertici internazionali; il marchio Made in Italy è rappresentato da un teschio con le ossa incrociate; e sono aperte le selezioni per i nuovi Sacco e Vanzetti.

Ma c’èuna differenza con il passato: nel secolo scorso la discriminazione contro gli italiani era un pregiudizio; oggi invece è un giudizio, e a ragion veduta! L’Italia è un luogo comune e gli italiani sono uno stereotipo: è dimostrato, inequivocabile, ci sono le prove e ogni giorno ne forniamo al mondo di nuove.

Ed è questo sentimento anti-italiano che oggi unisce l’Europa; l’unico valore che tiene ancora uniti gli stati membri dell’Unione. Ecco perché, se vogliamo restare in Europa, dobbiamo uniformarci: disprezzarci apertamente e perseguitarci a vicenda. Questo è unanimemente un paese di m…, e l’Europa ci chiede di tirare l’acqua.

Mi appello al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano: presidente, faccia un gesto esemplare che ci faccia riacquistare rispetto e dignità: bruci il Tricolore in Eurovisione!

Il Misfatto, 30 ottobre 2011

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Super Dario Bros (22-28 ottobre)

next
Articolo Successivo

I congiurati

next