Nello stesso giorno in cui un francese e una tedesca ridevano di un italiano (l’unico del trio ad essere rimasto protagonista di barzellette), in Svizzera si affermava alle elezioni la Lega anti-italiana – quella che considera gli italiani al Cern di Ginevra non “cervelli in fuga” ma metastasi.

Uno spettro si aggira per l’Europa, il sentimento anti-italiano: sono tornati in voga termini come Maccaronì, Mangiaspaghetti, Pizzagang; è vietato agli italiani entrare nei luoghi pubblici, specie quelli dove si stanno tenendo vertici internazionali; il marchio Made in Italy è rappresentato da un teschio con le ossa incrociate; e sono aperte le selezioni per i nuovi Sacco e Vanzetti.

Ma c’èuna differenza con il passato: nel secolo scorso la discriminazione contro gli italiani era un pregiudizio; oggi invece è un giudizio, e a ragion veduta! L’Italia è un luogo comune e gli italiani sono uno stereotipo: è dimostrato, inequivocabile, ci sono le prove e ogni giorno ne forniamo al mondo di nuove.

Ed è questo sentimento anti-italiano che oggi unisce l’Europa; l’unico valore che tiene ancora uniti gli stati membri dell’Unione. Ecco perché, se vogliamo restare in Europa, dobbiamo uniformarci: disprezzarci apertamente e perseguitarci a vicenda. Questo è unanimemente un paese di m…, e l’Europa ci chiede di tirare l’acqua.

Mi appello al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano: presidente, faccia un gesto esemplare che ci faccia riacquistare rispetto e dignità: bruci il Tricolore in Eurovisione!

Il Misfatto, 30 ottobre 2011

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Super Dario Bros (22-28 ottobre)

prev
Articolo Successivo

I congiurati

next