Censimento padanoÈ un’iniziativa che viene dalla base leghista, il riscontro è stato molto positivo. Basta vedere cosa è successo su Facebook”. E cosa è successo su Facebook? È successo che un gruppo di giovani simpatizzanti della Lega Nord ha iniziato a postare, un po’ per gioco, un po’ per provocazione, i moduli del Censimento compilati “alla padana”. “Ha la cittadinanza italiana dalla nascita?”, si legge nel questionario. Risposta: “No”. E poche righe sotto, dove si chiede di “specificare lo stato estero di cittadinanza precedente”, il bravo militante scrive: “Padania”. Il passo successivo è fotografare la scheda e pubblicarla sulla propria pagina di Fb o su altri social network.

Vogliamo difendere l’ideale dell’indipendenza della Padania con tutte le forme possibili”, spiega Federica Epis, 27 anni, responsabile dei Giovani Padani di Orzinuovi, la federazione dell’organizzazione giovanile del Carroccio che ha lanciato l’iniziativa. Ci rifacciamo all’articolo uno del nostro statuto, quello che parla della Padania libera e indipendente”. Il tam-tam sul social-network, racconta, nasce come risposta alle affermazioni di Napolitano. Quel “la Padania non esiste” pronunciato dal presidente della Repubblica non è piaciuto alle giovani leve leghiste e la loro “rivolta” passa dalla rete. “Nel momento in cui il capo dello Stato ha negato le ragioni della Padania, abbiamo voluto rispondere che noi esistiamo”. In quei giorni Facebook è stato invaso dai tricolori e i discepoli del Senatùr, per replicare, prima hanno messo come immagine del profilo la scritta “io sono padano”, ora invece lanciano il censimento-farsa.

Quello che ha detto Napolitano ha risvegliato alcuni sentimenti anti-padanisti che noi vogliamo respingere. Certo – ammette Federica – noi non siamo all’altezza di replicare al presidente della Repubblica, ma a quello ci hanno già pensato Maroni e Calderoli. Noi vogliamo solo lanciare una provocazione”. Sulla “storicità” della Padania, nessun dubbio. “Eravamo celti prima, poi abbiamo attraversato la fase delle repubbliche comunali, ma questo è il passato. Il presente è fatto di tasse che paghiamo mentre lo stato nega la nostra esistenza. Ci mettono le mani in tasca, ma a queste condizioni qualcuno potrebbe anche chiamarlo furto”. Rivolta fiscale, quindi, come incitava Bossi qualche anno fa? “No, per il momento no. Cerchiamo un dialogo pacifico e sereno che però vuole rivendicare una terra che esiste e a cui noi abbiamo dato il nome di Padania. Perché come dice Feltri, esiste la Val Padana, esiste il Grana padano, quindi esistono anche i Padani”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di Biagio (Fli) denuncia la compravendita
“Mi offrirono 1 milione di Finmeccanica””

prev
Articolo Successivo

Il Pd perde per colpa del Pd

next