Che il movimento bolognese andasse verso la spaccatura si sapeva. Ma non è stata una frantumazione. I pezzi sono due e belli grandi. Da una parte il Tpo, dall’altra gli autonomi di Crash. Quello che rimane attorno dovrà scegliere da che parte stare, o stringersi in quella zona grigia che non prende parola e sta a guardare. E infatti lunedì sera da un lato della città c’erano gli attivisti del Tpo, contrari alla violenza di piazza che si è vista a Roma, dall’altra Crash, che ha visto il proprio sito nazionale rivendicare la “resistenza popolare” di piazza San Giovanni. Una spaccatura che resterà nel tempo. Non ci sono gli autonomi stasera? A chi glielo chiedeva, Gianmarco De Pieri, uno dei leader del Tpo, rispondeva a dentri stretti: “No, loro sono l’1 per cento”.

Ma quell’uno per cento organizzato non era tutto il corteo di Roma, ovviamente. E infatti ecco tra gli interventi al Tpo spuntare anche chi in piazza San Giovanni c’è andato per esprimere la propria rabbia. E lo rivendica pur non appoggiando le posizioni estreme.

“Io in quella piazza c’ero e lo dico di fronte a tutti”. A parlare è Davide, quasi trent’anni, gli ultimi sette passati da precario. “Una vita da inferno tra contratti che scadono e soldi che non ci sono mai”. In mano un casco rosso e nero, alza bene la testa per guardare tutti e poi continua: “E’ stata la polizia a spingerci in piazza, poi è successo quello che è successo. Non che io abbia lanciato pietre. Non vorrei mai avere la Digos alle calcagna. Ma io avevo il casco, avevo i limoni, e mi considero complice di chi le pietre le ha lanciate e di chi ha incendiato il blindato”.

I trecento presenti ascoltano tutti in silenzio. Davide continua: “Ci hanno definito l’uno per cento? No, noi viviamo tutti i giorni nell’inferno della precarietà. Ho provato a fare l’indignato mesi fa in piazza Nettuno ma non ha funzionato, ho provato a parlare ma nessuno ha ascoltato. Ora il tempo delle parole è finito. A San Giovanni non c’è stato teppismo, ma rabbia precaria“.

Poi è arrivato l’applauso anche da chi aveva applaudito interventi contrari. Segno che quelle parole non erano così aliene a chi ascoltava e in piazza ha scelto di evitare la violenza. Altro intervento, altra anomalia rispetto alla posizione di quasi tutti al Tpo. A parlare è Carlo, 42 anni, anche lui precario. “Mentre sfilavo ho visto due ragazzi sfasciare le vetrine. Volevo fermarli, dargli due sberle. Poi sono venuti loro a chiedermi delle sigarette. Ho capito che non si meritavano nemmeno un ceffone”. Poi però anche Carlo è arrivato in piazza San Giovanni. “Di fronte a me un idrante ha centrato col getto d’acqua una donna che spingeva un disabile in carrozzina. Non ci ho visto più, ho preso una transenna e gli ho chiuso la strada come potevo”. Anche qui, applauso.

Segno che era forse difficile tenere a bada quelle tensioni che il movimento nei lunghi mesi di preparazione del corteo nazionale aveva tentato e sperato fino all’ultimo di nascondere sotto il tappeto. Ma tutti, chi più chi meno, sembrano concordi sulla condanna della violenza che ha privato della libertà di manifestare 300mila persone. Il dito è puntato ma nessuno fa nomi e cognomi fino alla fine. “Ognuno è libero di agire in piazza come meglio crede – spiega Domenico Mucignat, storico disobbediente bolognese – ma se è così allora è giusto che le nostre strade si separino”.

di Giovanni Stinco

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Magli: un mese di cassa integrazione in deroga, ma il destino dell’azienda è segnato

next
Articolo Successivo

Prodi e Fini, prove di alleanza: “Solo a Roma atti violenti, è inammissibile” (video)

next